Martedì, 04 Ottobre 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Elezioni, Calenda e Renzi non si danno pace: “Se l’Italia lo chiamerà, Draghi farà il bis”

I leader del Terzo polo, nonostante il lapidario “no” del premier uscente, insistono: “Come Mattarella, anche Draghi risponderà sì per il bene del Paese”

21 Settembre 2022

Elezioni, Calenda e Renzi non si danno pace: “Se l’Italia lo chiama, Draghi farà il bis”

Mario Draghi ha gli scatoloni pronti sulla scrivania. E la sensazione è che il suo sia un addio definitivo all’ufficio di Palazzo Chigi. È stato lo stesso premier uscente a dire che non è disposto a fare il bis. Sembra però che Carlo Calenda e Matteo Renzi non vogliano darsi pace. E continuano a tirare Draghi per la giacca dell’abito scuro. I casi sono due: o i leader del Terzo polo sanno qualcosa che gli altri non sanno, oppure, come in una lunga storia d’amore, non vogliono convincersi che l’esperienza di Draghi a capo del governo è finita.

Elezioni, Calenda e Renzi non si danno pace: “Se l’Italia lo chiamerà, Draghi farà il bis”

“Un Draghi bis? Io ricordo che Sergio Mattarella non sarebbe stato disponibile per un secondo mandato, ma per la patria il presidente Mattarella ha detto: sì, ci sono”, ha detto Calenda oggi, mercoledì 21 settembre. “Se il Terzo polo prenderà più del 10%, bloccando la vittoria della destra, io sono convinto che anche Draghi risponderà sì per il bene del Paese”. Lo scorso lunedì era stato Renzi a esprimere lo stesso concetto. “Draghi ha escluso di restare a palazzo Chigi? Che cosa doveva dire? È chiaro che alla domanda giornalistica Draghi risponda no, ma alla domanda di Mattarella, ove ci fosse, ritengo che risponderebbe in un altro modo, ma ormai la partita è nelle mani dei cittadini e spero che la nostra forza politica possa ottenere un risultato tale da essere importante, se non determinante. E in quel caso sogno un governo Draghi, perché ritengo Draghi meglio della Meloni. Vedremo i numeri in Parlamento”.

Elezioni, Calenda e Renzi non si danno pace: “Se l’Italia lo chiamerà, Draghi farà il bis”

Stando agli ultimi sondaggi, il Terzo polo veniva dato tra il 7 e l’8%. L’osservatorio sociopolitico Hokuto, noto come network di consulenza sull’uso strategico di dati, ha presentato uno studio in cui ricalibra le possibili intenzioni di voto inserendo le preferenze potenziali e più probabili degli indecisi. Dai risultati è emerso che il Terzo polo potrebbe salirebbe almeno al 9,5%. Vicinissimo alla soglia indicata dai capi di Azione e Italia Viva. Ma la domanda è un’altra: Draghi accetterebbe di tornare a Palazzo Chigi? Stando alla sua versione, no. Lo scorso 16 settembre premier è stato lapidario. A precisa domanda, tornerebbe a Palazzo Chigi?, ha risposto con un secco “no”. Sarà la sua risposta definitiva? Anche in questo caso, per Calenda e Renzi, è “no”. Di mezzo, però, ci sono le elezioni.

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x