Domenica, 02 Ottobre 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Giorgia Meloni, l'Aspen Institute e il Grande sonno dell'Occidente

Aspen Institute e Forum di Davos sono due facce della stessa moneta, coniata dal Deep State. Tra i finanziatori, come per l'OMS, la Bill & Melinda Gates Foundation

Di Alfredo Tocchi

28 Luglio 2022

Giorgia Meloni, l'Aspen Institute e il Grande sonno dell'Occidente

fonte: imagoeconomica.it

SCRITTI PANDEMICI.
Ci sono buone probabilità che Giorgia Meloni diventi la prossima Presidente del Consiglio. Mentre i media nazionali commentano la scelta del centro destra, io cerco qualche informazione sull'Aspen Institute. Tutti ne abbiamo sentito parlare e ciascuno di noi può andare sul sito ufficiale a leggersi i nomi dei principali finanziatori: Carnegie Corporation, the Rockefeller Brothers Fund, the Bill & Melinda Gates Foundation, the Lumina Foundation, and the Ford Foundation.

il nome dell’Aspen Institute è legato a quello di Giulio Tremonti, che ne è Trustee. Wikipedia definisce l’Aspen “Un’organizzazione internazionale non profit fondata nel 1950. Tra i suoi fini, quello di incoraggiare le leadership illuminate, le idee e i valori senza tempo e il dialogo sui problemi contemporanei”.
Fa davvero piacere che fondazioni importanti e prestigiose abbiano a cuore “i valori senza tempo”!

Al fine di consentire un bel “dialogo sui problemi contemporanei”, l’Aspen – che ha una sede in Ucraina – non fa mistero di scegliere direttamente quale tra i politici e giornalisti ucraini (ovviamente illuminati) inviare al Forum annuale di Davos. Non voglio lasciare alcuno spazio a repliche, cito unicamente il documento ufficiale dell’Aspen Institute reperibili on line, in versione integrale, con tanto di link: https://aspeninstitutekyiv.org/en/aspen-instytut-kyiv-na-svitovomu-ekonomichnomu-forumi-v-davosi/.

Dal 21 al 25 gennaio si terrà a Davos il World Economic Forum. Il Forum è l'unico incontro annuale che riunisce i leader della società globale. I capi e i membri di oltre 100 governi, i dirigenti delle 1.000 aziende più importanti del mondo, i leader delle organizzazioni internazionali e delle organizzazioni non governative più importanti, i leader culturali, sociali e di pensiero più importanti.

L'Aspen Institute Kyiv ha partecipato attivamente all'organizzazione del programma dell’Ucraina al Forum di Davos. L'obiettivo principale dell'”Ukraine House Davos” è quello di diventare un centro di discussione e di dimostrare il potenziale e le opportunità commerciali dell'Ucraina alla leadership globale del mondo degli affari, della politica e della società civile. L'Aspen Institute (USA) e l'Aspen Institute Kyiv sono i co-organizzatori del panel di discussione "Trailblazing Activists: Profili femminili di coraggio".

La conversazione si concentrerà sull'esperienza delle relatrici in relazione ai ruoli di leadership che ricoprono in organizzazioni che mirano a cambiamenti sociali positivi. Relatori:
Yuliya Tychkivska, Direttore esecutivo dell'Aspen Institute di Kiev
Olga Kudinenko, Fondatrice della Fondazione di beneficenza Tabletochki
Alaa Murabit, cofondatore dell'Istituto Omnis e direttore esecutivo di Phase Minus 1
June Sarpong, attivista, imprenditrice sociale e personaggio dei media britannici
Elliot Gerson, vicepresidente esecutivo dell'Aspen Institute

L'organizzazione delle cosiddette House di Davos è una tradizione consolidata per i Paesi progressisti del mondo. Per il secondo anno consecutivo, l'Ucraina sta organizzando una propria piattaforma di networking a Davos, che rappresenta il Paese e crea opportunità per accordi di investimento e sviluppo di partnership internazionali. L'Aspen Institute Kyiv, la cui missione è promuovere una cultura del dialogo e creare opportunità per lo scambio di idee, sostiene attivamente questo progetto, perché crediamo davvero che sia un passo importante e significativo per l'immagine dell'Ucraina nel mondo.
Ukraine House Davos è sostenuta da organizzatori quali UVCA, Western NIS Enterprise Fund, Victor Pinchuk Foundation e Horizon Capital. Programma completo e registrazione all'evento al link www.ukrainehousedavos.com”.
Qual è il punto? Potrei chiamarlo Deep State. Potrei chiamarlo l’intreccio di potere tra Aspen Institute e Forum di Davos. Oppure potrei chiamarlo l’ingerenza di alcune fondazioni, sempre le stesse, nella politica dell’Occidente.

Chi pensi ancora che l’opposizione esercitata da Giorgia Meloni in questi due anni e mezzo fosse vera opposizione è un ignorante, nel senso che ignora che Forum di Davos e Aspen Institute sono le due facce della stessa moneta.
Quale cambiamento ci possiamo aspettare? Nessuno!

Gli interessi delle fondazioni sono sempre gli stessi. Inscenando una mascherata disneyana degna di una festa di compleanno di un bimbo di cinque anni, i soliti padroni del mondo ci fanno credere di potere ancora eleggere liberamente i nostri rappresentanti quando è vero l’esatto contrario: gli illuminati li scelgono sempre e soltanto loro. Illuminati, termine massonico quanto mai aderente alla realtà.

E’ mai possibile che l’Occidente sia popolato da gente tanto ingenua? Il Grande Risveglio è una necessità, ma noi evidentemente abbiamo il sonno pesante e dormiremo beati ancora (almeno) per una intera legislatura. Dal Grande Sonno chi ci risveglierà? In attesa del principe azzurro disneyano (in versione gender fluid naturalmente), me ne ritorno a letto.

di Alfredo Tocchi, Il Giornale d’Italia

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x