Giovedì, 11 Agosto 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Salvini e Meloni, abbraccio della pace: "Non faremo fine di Romeo e Giulietta"

Il Centrodestra ritorna unito. La leader di Fratelli d'Italia: "Sono contenta che ci ritroviamo su questo palco insieme". Salvini: "Siamo ancora qui belli come il sole"

10 Giugno 2022

Salvini e Meloni, abbraccio della pace: "Non faremo fine di Romeo e Giulietta"

fonte: facebook Tiziano De Giorgi

Dopo settimane di tensioni e botta e risposta, arriva l'abbraccio della pace tra Matteo Salvini e Giorgia Meloni. I due leader si ritrovano a Verona e dal palco in Piazza Dante affermano: "Noi nn faremo la fine di Romeo e Giulietta". Lega e Fratelli d'Italia dunque, sono pronti per ripartire insieme. Ad allontanarli era stata la discussione nata intorno alla rielezione di Sergio Mattarella a Presidente della Repubblica, diversi medi fa. Ora però le incomprensioni sembrano essere acqua passata.

Salvini e Meloni, l'abbraccio della pace: "Non faremo la fine di Romeo e Giulietta"

Matteo Salvini e Giorgia Meloni si sono ritrovati in occasione del comizio di chiusura a Verona del candidato sindaco di FdI Federico Sboarina. La leader del partito è salita sul palco e ha invitato i veronesi a "non farsi fregare, qui c'è un voto solo che sconfigge la sinistra ed è quello a Federico Sboarina". Poi ha affermato: "Ieri Bonaccini in un tweet mi ha scritto che siamo la destra populista. Gli ho risposto che l'ultima patente che mi serviva l'ho presa 25 anni fa a scuola guida: con quella che mi volete dare voi ci incarto la pizza. Non abbiamo bisogno delle patenti della sinistra", ha concluso tra le grida e gli applausi Giorgia Meloni.

Terminato il suo intervento, Matteo Salvini e Giorgia Meloni si sono abbracciati e il leader della Lega ha detto: "Domani voglio leggere chi si inventa divisioni e litigi, siamo qua e siamo belli come il sole". E la numero 1 di Fdi ha ribattuto: "E a chi dice che faremo come Romeo e Giulietta dico che non faremo la stessa fine. Non abbiamo bisogno di prove di pace. La verità è che nelle scelte fondamentali poi la coalizione si ritrova naturalmente insieme, perché siamo d'accordo sulle questioni fondamentali, perché stiamo insieme per compatibilità e non per costrizione o interesse o per impedire agli altri di vincere". E infine: "Sono contenta che ci ritroviamo su questo palco insieme".

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x