Martedì, 19 Ottobre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Inchiesta Fratelli d'Italia, Meloni: "Nel nostro dna nessuna nostalgia del fascismo"

Dopo il video di Fanpage la leader di Fratelli d'Italia si sfoga: "Quella arrabbiata sono io: nessuno si azzardi a giocare su certe cose"

09 Ottobre 2021

Inchiesta Fratelli d'Italia, Meloni: "Nel nostro dna nessuna nostalgia del fascismo"

Fonte: lapresse.it

"Nel dna di Fratelli d'Italia non ci sono nostalgie fasciste, razziste, antisemite. Non c'è posto per nulla di tutto questo. Nel nostro dna c'è il rifiuto per ogni regime, passato presente e futuro. E non c'è niente nella mia vita, come nella storia della destra che rappresento, di cui mi debba vergognare o per cui debba chiedere scusa. Tantomeno a chi i conti con il proprio passato, a differenza di noi, non li ha mai fatti e non ha la dignità per darmi lezioni". Così parla intervistata dal Corriere della Sera Giorgia Meloni, leader di Fratelli d'Italia, mentre respinge con forza le accuse mosse al suo partito dopo il video-inchiesta di Fanpage.

Video Fanpage, Meloni: "Nessuno si azzardi a giocare su certe cose"

Giorgia Meloni si scaglia contro il video di Fanpage e nega con fermezza i presunti rapporti tra Fratelli d'Italia e l'estremismo neofascista e neonazista. "Quella più arrabbiata - dice la politica - sono io. Io che ho sempre detto 'nessuno si azzardi a giocare su certe cose', che ho allontanato soggetti ambigui, chiesto ai miei dirigenti la massima severità su ogni rappresentazione folkloristica e imbecille, anche con circolari ad hoc. Perché i nostalgici del fascismo non ci servono: sono solo utili idioti della sinistra che li usa per mobilitare il proprio elettorato. Si è chiesta - conclude infine Giorgia Meloni - perché mentre noi marginalizziamo questa gente la sinistra la valorizza dandole un peso che non ha mai avuto?"

Poco prima delle elezioni amministrative Giorgia Meloni aveva definito l'inchiesta "una polpetta avvelenata a pochi giorni dal voto". E ancora: "Tre anni di giornalista infiltrato - aveva attaccato - per mandare in onda 10 minuti di video nell'ultimo giorno di campagna elettorale e sulle pagine dei giornali nel giorno del silenzio. In uno Stato di diritto non sarebbe mai accaduto".

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x