Lunedì, 06 Dicembre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Afghanistan, il discorso di Draghi all'Onu: "G20 straordinario ci sarà"

Il discorso del premier al dibattito generale della 76esima sessione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite

24 Settembre 2021

Afghanistan, il discorso di Draghi all'Onu: "G20 straordinario ci sarà"

Fonte: lapresse.it

Lungo discorso nella notte del premier Mario Draghi, intervenuto al dibattito generale della 76esima sessione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite dove ha parlato di Afghanistan, Covid, clima, multilateralismo e migranti. Nelle parole del premier, la conferma che il G20 straordinario sulla crisi afghana si farà. Poi, sul regime messe in piedi dai talebani, ha rimarcato: "Stiamo assistendo allo smantellamento dei progressi degli ultimi 20 anni relativamente alla difesa delle libertà fondamentali, soprattutto per le donne".

Afghanistan, il discorso di Draghi all'Onu: "G20 straordinario ci sarà"

In Afghanistan, spiega Draghi, "l’Italia si è immediatamente attivata per favorire il più ampio coordinamento fra i principali attori globali e regionali. Come Presidenza di turno, abbiamo messo a disposizione la piattaforma del G20, per sua natura ampia ed inclusiva. Abbiamo promosso una riunione dei Ministri degli Esteri, in preparazione del vertice straordinario che si concentrerà sui temi dell’aiuto umanitario, della sicurezza e dei diritti umani”.

"La situazione umanitaria in Afghanistan è la più immediata e condivisa preoccupazione, anche per l’approssimarsi della stagione invernale – continua il presidente del Consiglio -. Secondo il World Food Programme, una persona su tre nel Paese è esposta a insicurezza alimentare. L’Italia ha fiducia nella capacità del sistema delle Nazioni Unite di coordinare la risposta umanitaria internazionale, mobilitando risorse e assicurando un intervento rapido e coerente".

E ancora: "Ringrazio il Segretario Generale per aver organizzato il 13 settembre scorso la 'pledging conference' di Ginevra, in cui i Paesi si sono impegnati a stanziare circa 1,2 miliardi di dollari in aiuti umanitari per l’Afghanistan. Il Vertice straordinario del G20 dovrà dare massimo sostegno a questi obiettivi. Occorre poi assicurare un accesso pieno, sicuro, senza ostacoli e senza condizioni alle organizzazioni internazionali e agli operatori umanitari impegnati nell’assistenza".

Nel Paese, continua, "stiamo assistendo allo smantellamento dei progressi degli ultimi 20 anni relativamente alla difesa delle libertà fondamentali, soprattutto per le donne. Tutti coloro che hanno sottoscritto la Carta delle Nazioni Unite e che si richiamano ai valori fondanti di questa Organizzazione devono impegnarsi per una risoluzione della crisi". "La crisi afghana – rimarca il presidente del Consiglio - deve essere affrontata anche per quanto riguarda le ripercussioni sulla stabilità della regione e sulla sicurezza. La sua complessità richiede necessariamente una strategia il più possibile condivisa”.

Draghi sul Covid

“A più di un anno e mezzo dall'inizio della crisi sanitaria possiamo pensare al futuro con maggiore ottimismo. La campagna di vaccinazione ci ha restituito fiducia nella nostra capacità di conquistare una nuova normalità”, dice Draghi. "In Italia e in Europa abbiamo riaperto gran parte delle attività economiche – sottolinea il presidente del Consiglio - Gli studenti sono tornati nelle scuole e nelle università. Dopo mesi di solitudine, la nostra vita sociale è finalmente ricominciata. La pandemia non è però finita e anche quando lo sarà, avremo a lungo a che fare con le sue conseguenze”.

“A livello globale, abbiamo davanti differenze drammatiche nella diffusione dei vaccini. Nei Paesi ad alto reddito, più del 65% della popolazione ha ricevuto almeno una dose. Nei Paesi più poveri, solo il 2%. Queste disparità sono moralmente inaccettabili: meno vaccinazioni equivalgono a più morti”, rimarca.

“Inoltre, finché il virus continuerà a circolare liberamente – sottolinea il presidente del Consiglio - potrà mutare in modo pericoloso e mettere a rischio anche le campagne di vaccinazione più efficaci. Occorre aumentare la disponibilità di vaccini per i Paesi poveri e risolvere i problemi logistici perché le dosi arrivino dove c’è maggiormente bisogno. Dobbiamo inoltre preservare la libera circolazione dei vaccini a livello globale, e delle materie prime per produrli. L’Italia offre pieno sostegno politico e finanziario alla COVAX Facility. Intendiamo triplicare le nostre donazioni di dosi di vaccino da 15 milioni a 45 milioni entro la fine del 2021, nel quadro di un più ampio sforzo europeo. Le enormi differenze nelle campagne vaccinali rischiano di peggiorare le diseguaglianze tra Paesi”.

Il discorso di Mario Draghi sul Clima

Oltre al Covid, l’emergenza che “abbiamo posto al centro della nostra agenda di Presidenza del G20 riguarda i cambiamenti climatici. L’ultimo rapporto IPCC delle Nazioni Unite ha mostrato come, in assenza di riduzioni immediate, rapide e su larga scala delle emissioni di gas serra, non riusciremo a limitare il riscaldamento globale al di sotto di 1,5 gradi rispetto ai livelli pre-industriali. Il numero di disastri naturali legati al clima è quintuplicato dagli anni Sessanta. Gli eventi meteorologici estremi sono destinati a intensificarsi nei prossimi decenni. Le stime dell’Organizzazione Mondiale della Sanità indicano che i cambiamenti climatici causano già oggi 150.000 morti all’anno, che potrebbero diventare 250.000 tra il 2030 e il 2050. Dobbiamo agire ora, per tutelare il pianeta, la nostra economia e le generazioni future”, ha spiegato ancora.

“In qualità di Presidenza del G20 – ha proseguito - e partner del Regno Unito nella COP26, l’Italia intende raggiungere obiettivi ambiziosi sui tre pilastri dell'Accordo di Parigi: mitigazione, adattamento e finanza. Dobbiamo ridurre il più possibile, nel prossimo decennio, la CO2 prodotta da combustibili fossili e gli altri gas clima-alteranti, incluso il metano. E dobbiamo lavorare per adattare le nostre infrastrutture agli shock sempre più frequenti e violenti dei cambiamenti climatici”.

"L'Italia sostiene con convinzione il ruolo guida dell'Unione Europea nella transizione ecologica, e in particolare il suo impegno per una riduzione del 55% delle emissioni di anidride carbonica entro il 2030 e l'azzeramento delle emissioni nette entro il 2050. Tuttavia, l'UE rappresenta oggi solo l'8% delle emissioni globali, mentre i Paesi del G20 sono responsabili del 75%”, sottolinea.

“La lotta al cambiamento climatico – prosegue il presidente del Consiglio - richiede un impegno multilaterale e la cooperazione pragmatica di tutti i principali attori globali, sia le economie ricche sia quelle emergenti. Dobbiamo agire in modo incisivo, coordinato e simultaneo, ma nel rispetto delle diversità nazionali. Intendiamo raggiungere un’intesa globale per interrompere al più presto l’uso del carbone, e, coerentemente con questo obiettivo, per bloccare il finanziamento di nuovi progetti di questo tipo. Vogliamo eliminare gli incentivi ai combustibili fossili e promuovere la loro sostituzione con fonti rinnovabili”.

“La transizione ambientale – rimarca Draghi - ha dei costi significativi ed è essenziale che i governi si impegnino direttamente per aiutare cittadini e imprese a sostenerli. Ma può essere anche un motore di crescita economica. Secondo un recente rapporto dell'Agenzia internazionale per le energie rinnovabili, queste potrebbero impiegare più di 40 milioni di persone entro il 2050. In Italia e nell’Unione Europea abbiamo intrapreso un percorso di riforme e investimenti – il “Next Generation EU” – per sfruttare al meglio queste opportunità. Ci auguriamo che la “Tavola Rotonda sul Clima” promossa lunedì scorso dal Segretario Generale Guterres e dal Primo Ministro Johnson imprima ulteriore slancio al percorso di negoziazione che ci condurrà al Vertice G20 di Roma e alla COP26 di Glasgow”.

Le parole di Draghi su Libia e migranti

Capitolo Libia. “L’attenzione con cui seguiamo la situazione in Afghanistan e in tutta l’Asia Centrale non deve distoglierci dall’instabilità che continua a caratterizzare il Mediterraneo allargato", dice Draghi. "In particolare, sosteniamo sul piano multilaterale, bilaterale e all’interno dell’Unione Europea, il processo di transizione in Libia per una soluzione sostenibile e inclusiva della crisi”, ha detto.

“L’obiettivo – per Draghi - è completare il percorso tracciato dagli stessi libici per rinnovare il quadro istituzionale nazionale, in modo unitario, senza interferenze esterne e sotto l’egida dell’ONU. La comunità internazionale deve lavorare insieme alle istituzioni e al popolo libici per superare lo stallo attuale. Dobbiamo garantire lo svolgimento delle elezioni previste per il prossimo 24 dicembre e la piena attuazione del cessate il fuoco”.

Per Draghi, la “corretta gestione” delle migrazioni “richiede una risposta comune da parte della comunità internazionale. Dobbiamo lottare con efficacia contro il traffico di persone, assicurare una mobilità internazionale regolare, e tutelare la vita delle persone. È essenziale un’azione multilaterale, strutturata intorno ai principi di condivisione degli oneri e delle responsabilità”.

“L’Unione Europea e i suoi Stati Membri – ha proseguito il presidente del Consiglio - devono rafforzare il dialogo in materia migratoria con i Paesi di origine e transito dei migranti per arrivare a una responsabilità congiunta nella gestione dei flussi. A questi principi è ispirata la cooperazione in materia tra Unione Europea e i partner africani, di cui l’Italia è stata da subito promotrice e che intendiamo rafforzare. Desidero esprimere il sincero apprezzamento del Governo italiano per il fondamentale lavoro di assistenza svolto dalle organizzazioni delle Nazioni Unite in Libia e, più in generale, nelle tante aree di crisi. In particolare, mi riferisco all’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni e all’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati”.

“L’Italia intende continuare a operare con impegno per promuovere gli ideali universali di pace, sviluppo, e la tutela e la promozione dei diritti umani. Questi costituiscono non solo il centro dell’azione dell’ONU, ma anche la base della Costituzione italiana, dell’Unione Europea e del legame transatlantico. I principi ispiratori della Carta delle Nazioni Unite, richiamati nella nostra Dichiarazione politica solenne adottata in occasione dei 75 anni dell’Organizzazione, sono ancora oggi un nostro punto di riferimento”.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x