Domenica, 26 Settembre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Green Pass, Salvini si piega ai nordisti. Ma sul vaccino: "Causa le varianti"

Il leader della Lega è stato convinto dalla parte pro Green Pass del Carroccio, che rischiava di spaccarsi. Ma poche ore dopo rilancia i dubbi sul siero anti Covid

10 Settembre 2021

Attacco in Congo, Salvini

Matteo Salvini (fonte foto Lapresse)

Prima salva il Green Pass, poi si scaglia all'attacco dei vaccini. E' l'avventurosa giornata di Matteo Salvini, che chiarisce in poche ore come evidentemente il suo via libera alla patente verde non sia stato fatto esattamente con entusiasmo. Eppure proprio lui era stato decisivo per far cadere le ultime resistenze interne alla Lega sul voto per il Green Pass, preso a metà tra Claudio Borghi e Palazzo Chigi. Salvini aveva provato a mediare con una serie di richieste recapitate sul tavolo del premier, ma che erano considerate troppo impegnative. 

Ecco perché Salvini ha votato sì al Green Pass

Il rischio era quello di spaccare la Lega. Da una parte Borghi, Bagnai Siri e gli altri ostili in tutto e per tutto il Green Pass. Dall'altra parte le figure più "istituzionali" come Giancarlo Giorgetti, Massimo Garavaglia e Riccardo Molinari. La carica dei "nordisti" come li chiamano anche dentro la Lega di Salvini, che arriva certo a latitudini sconosciute dal vecchio partito dei lumbàrd. I membri più rilevanti della compagine nordista hanno fatto capire a Salvini che il rischio era non solo di uscire di fatto dal governo ma anche di spaccare il partito. E così, alla fine Salvini ha ceduto, che comunque in cambio ha ottenuto qualcosa da Palazzo Chigi.

Salvini: "I vaccini causano le varianti"

Ma nella giornata di venerdì Salvini torna battagliero sul vaccino, vale a dire il mezzo con il quale si ottiene il Green Pass. Secondo quanto dichiarato dal leader della Lega "il problema non sono i non vaccinati, ma il virus che varia. Le variazioni nascono come reazione ai vaccini. In Israele sono tutti vaccinati e il virus sta virando tra migliaia di persone. Io invito, non obbligo tutti a vaccinarsi, ma servono i tamponi, gratuiti per chi non se lo può permettere", ha proseguito il segretario dlela Lega, intervenendo a 'L'aria che tira'.

Le reazioni alle sue dichiarazioni sono per lo più negative. In particolare dai virologi. "Voi capite perché sono scoraggiato?", commenta, su Twitter, il virologo Roberto Burioni, docente all'università Vita-Salute San Raffaele di Milano. "Sarebbe buona cosa se un leader politico i cui messaggi arrivano a milioni di cittadini evitasse di cimentarsi con approssimative e pericolose affermazioni di carattere scientifico", stigmatizza il deputato democratico Emanuele Fiano, della presidenza del Gruppo. "Ma Salvini non finisce mai di stupirci e, dopo l'ambiguo e irresponsabile atteggiamento tenuto dalla Lega sul green pass alla Camera, oggi si imbatte in una spericolata teoria secondo cui i vaccini generano varianti". 

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x