Mercoledì, 19 Gennaio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Reddito di cittadinanza, Briatore: "Andava sospeso d'estate, tanti settori in crisi"

"Il governo doveva sospendere il reddito da maggio a ottobre, dare la possibilità ai giovani di fare la stagione e poi riprendeva a ottobre"

02 Settembre 2021

Reddito di cittadinanza, Briatore: "Andava sospeso d'estate, tanti settori in crisi"

Fonte: lapresse.it

"Il reddito di cittadinanza andava sospeso per 5 mesi", ha asserito Flavio Briatore. In Italia c'è "il problema del reddito di cittadinanza, non c'è alcun giovane che ha voglia di lavorare durante la stagione estiva e non è vero che si offrono contratti bassi". Il governo, quindi, secondo l'imprenditore, "doveva sospendere il reddito da maggio a ottobre, dare la possibilità ai giovani di fare la stagione e poi riprendeva a ottobre. Lo Stato risparmiava e magari c'è qualcuno che trovava lavoro per tutto l'anno".

Reddito di cittadinanza, Briatore: "Andava sospeso d'estate"

Flavio Briatore ha parlato ai microfoni dell'Adnkronos, ricordando come "a fine aprile mancava lavoro in tutti i centri commerciali, i ristoranti erano disperati perché non trovavano personale. Il reddito di cittadinanza andava sospeso per la stagione". Ma qui c'è chi attacca, asserendo che l'offerta economica da parte dei datori di lavoro è troppo bassa e peer poter convincere i giovani ad abbandonare il reddito e trovare un lavoro. "Si tratta di cavolate", replica Briatore. "Un ragazzo che lavora al Twiga - spiega - ha uno stipendio minimo di 1.800 o 1.900 euro al mese. In Italia una stagione dura 4 mesi. Ripeto, dovevano abolirlo, lasciare che i ragazzi lavorassero con salari ovviamente corretti e poi riprenderlo. Così si risparmiavano 5 mesi di reddito e invece, mantenendolo durante la stagione, i giovani ci chiedono di lavorare in nero, una cosa che non possiamo permetterci di fare".

Nella stessa giornata, in merito al Reddito di cittadinanza (che poi sarebbe la misura che permette ai grillini di accaparrare qualche voto in più) è intervenuto il leader di Italia viva Matteo Renzi. "L'assegno in parte va a povera gente davvero - ha dichiarato - . Ma è una misura che incrocia anche un pezzo di criminalità". E ancora: "Fino a due mesi fa tutti dicevano che il 'Reddito' non si doveva toccare. Dai grillini allo stesso Pd. Poi, appena io faccio uscire sul mio libro l'idea di un referendum, partono due diverse reazioni: la prima di chi dice, 'tutto sommato abbiamo fatto un errore', ovvero Salvini. Il quale fa un 'mea culpa' incredibile, una straordinaria conversione. Questa è l'estate delle conversioni sulla via di Damasco. Come quella di Giuseppe Conte sul decreto immigrazione: insomma sembra che il governo Conte Uno lo abbiano guidato i fantasmi".

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x