Mercoledì, 19 Gennaio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

"Mozione di sfiducia a Lamorgese" per i fatti di Viterbo, Meloni fa sul serio

La leader di Fratelli d'Italia incredula: "Pugno duro solo con ristoratori, commercianti e imprenditori"

23 Agosto 2021

"Mozione di sfiducia a Lamorgese" per i fatti di Viterbo, Meloni fa sul serio

Fonte: lapresse.it

"La vicenda di Viterbo grida vendetta davanti a Dio, e per questo stiamo valutando di presentare una mozione di sfiducia contro il ministro Lamorgese", dice la leader di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni, in un'intervista a 'La Verità'. Si è riferita, ovviamente, al rave andato in scena per giorni, e in modo assolutamente illegale, a Viterbo.

Viterbo, Meloni: "Mozione di sfiducia a Lamorgese"

"Come può un Governo che impedisce alla gente di andare al bar, che chiude le attività economiche, che non consente ai ragazzi di andare a scuola, consentire a migliaia di scappati di casa - si chiede polemicamente dunque la leader di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni - di bivaccare ammassati tra la droga per giorni? In qualunque nazione normale il capo del Viminale si sarebbe già dimesso...".

"Quei signori se ne sono andati spontaneamente, una volta terminati i balli", ha continuato Giorgia Meloni. "Lo Stato italiano non ha neanche provato a sgombrare, si è arreso prima. Chiediamoci perché gli organizzatori francesi dell'evento hanno scelto l'Italia e non la Francia. All'estero avrebbero sgomberato usando gli idranti, nella nostra repubblica delle banane tutto è concesso. Ed è solo l'ultima testimonianza di come in Italia le regole valgano solo per la brava gente, e non per i delinquenti. Con quale credibilità -conclude Meloni - uno Stato che ha paura di un rave party, poi usa il pugno duro contro ristoratori, commercianti e imprenditori?".

A quanto risulta, comunque, alcuni partecipanti del maxi rave party abusivo iniziato lo scorso 13 agosto a Valentano sono stati segnalati nella serata di martedì 18 agosto nel centro storico della confinante Pitigliano (Grosseto), paese in questi giorni affollato di turisti. "È iniziato il deflusso dal rave, ha comunicato il sindaco Giovanni Gentili, e alcuni partecipanti sono arrivati in paese a Pitigliano. Hanno lasciato il rave quelli che erano meno organizzati, senza camper, senza roulotte. Spesso hanno finito le scorte e se ne vanno. Risulta che gli organizzatori prevedevano di far durare il rave dieci giorni ma speriamo che possa concludersi subito, ci sono accordi che operano in questa direzione".

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x