Sabato, 29 Gennaio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Matteo Renzi: "Le mie sono previsioni antipatiche, ma si realizzeranno"

Nella sua ultima e-news il leader di Italia viva preme su reddito di cittadinanza e ponte sullo stretto

05 Agosto 2021

Governo, Conte: "Domani sera il Consiglio dei Ministri per il Recovery plan"

Matteo Renzi (foto LaPresse)

Il leader di Italia viva Matteo Renzi vede e prevede. E questa volta lancia la sua provocazione nell'ultima e-news di giovedì 5 agosto, dove racconta quali punti oggi lo rendono "antipatico", ma che in futuro saranno realtà. Tra questi, un reddito di cittadinanza tutto da rifare, e il ritorno del ponte sullo stretto. Ma anche il ddl Zan, messo in pausa per l'estate, e una dichiarata crociata contro la criminalità organizzata che, per l'ex premier, "da queste leggi oggi ci guadagna".

Matteo Renzi: "Le mie previsioni antipatiche, ma si realizzeranno"

Innanzitutto, Renzi apre con le aspre critiche al reddito di cittadinanza, che ultimamente è diventato il cavallo di battaglia delle sue uscite pubbliche. "Il Reddito di Cittadinanza cambierà", sentenzia il leader di Iv. "Da quando abbiamo annunciato il referendum tutte le forze politiche hanno capito che si fa sul serio. E anche nei Cinque Stelle si aprono le prime crepe".

La critica di Renzi è la prima "cosa antipatica" nell'elenco delle sue proposte, ma il politico avverte: "Ovviamente dicono che io sono brutto e cattivo, contro i poveri, tireranno in ballo le mie conferenze (lo fanno spesso a sinistra, ma lo fece anche Salvini in un dibattito a "Porta a Porta" e gli risposi così). Mi attaccheranno sul piano personale. Ma la verità è che il Reddito di Cittadinanza non funziona e che sarà totalmente ripensato prima che si vada a referendum, scommettiamo?"

Matteo Renzi: "Il ponte sullo stretto si farà"

Eterno ritorno per il ponte sullo stretto di Messina, che per Matteo Renzi "si farà". "Dopo mille polemiche contro di noi e contro le nostre posizioni, anche i Cinque Stelle ormai si sono convinti. Teresa Bellanova al Governo e Lella Paita in Commissione Trasporti stanno lavorando duramente per sbloccare questa opera pubblica", spiega l'ex premier. L'opera è "naturalmente è osteggiata dalla criminalità organizzata perché crea lavoro e porta sviluppo", afferma Renzi. "E la criminalità organizzata preferisce dire di no al Ponte e sì al Reddito di Cittadinanza".

Infine Matteo Renzi ritorna sul ddl Zan, la legge contro l'omotransfobia messa in pausa ma che ha acceso grandi tensioni tra le fazioni nelle ultime settimane. Il leader di Italia viva fa la sua scommessa: "Cambierà al Senato con un ampio accordo". E commenta: "Il Pd ha fatto retromarcia e adesso non vuole più approvarla senza se e senza ma, perché sa che non ci sono i numeri. Per questo terrà alta la bandierina fino alle amministrative e poi cederà al Lodo Scalfarotto o a qualcuno dei nostri emendamenti firmati da Davide Faraone. Non sarà più la Legge Zan ma almeno sarà una legge. Ora tutti dicono che non è così."

"Poi tra qualche settimana, vedrete, accetteranno la nostra mediazione dopo averci insultato per qualche settimana sui social. È il populismo degli antipopulisti. Nessun problema, noi abbiamo le spalle larghe", conclude Renzi, rilanciando la sua missione di "sconfiggere chi vive di battaglie effimere, che durano una storia su Instagram".

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x