Lunedì, 27 Settembre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Nuovo M5s, c'è già chi scappa da Conte: l'addio della senatrice Botto

Il nuovo partito non convince tutti, alcuni cercano nuove realtà in cui inserirsi. Per la senatrice l'arrivo di Conte è "una grande delusione"

29 Luglio 2021

Nuovo M5s, c'è già chi scappa da Conte: l'addio della senatrice Botto

Nel nuovo M5s, c'è già chi scappa dal neoarrivato ex premier Giuseppe Conte. Il primo addio ufficiale tra le fila dei pentastellati arriva dalla senatrice Elena Botto, da anni legata al partito di Grillo e che ora si dice molto amareggiata e delusa dall'arrivo dell'avvocato. Da quello che emerge nella sua dichiarazione di addio al Movimento, affidata anche alle sue pagine sui social network, ci sono soprattutto tanta amarezza e la sensazione di "un'opportunità persa" per dare slancio ai Cinque stelle.

Nuovo M5s, c'è già chi scappa da Conte: l'addio della senatrice Botto

Il primo addio al Movimento ora guidato da Giuseppe Conte insieme a Beppe Grillo è stata una senatrice. Da palazzo Madama arriva infatti la notizia che Elena Botto ha deciso di passare al gruppo politico Misto. La senatrice ligure affida il suo addio anche ai social network e in un post sulla sua pagina Facebook scrive: "Questo è un post difficile, un post di addio. Me ne vado dal Movimento 5 Stelle che, ormai da troppo tempo, non è più la mia casa politica. Ho atteso, ho sopportato e ho provato, ma non ha senso continuare a vivere nella speranza di miglioramenti che non vedo".

Botto poi prosegue: "Nella politica il compromesso, la mediazione, hanno un valore positivo e persino nobile se sono al rialzo, non al ribasso. Nel tempo ci sono stati troppi compromessi al ribasso". Una grande amarezza quella che emerge dalle sue parole, dopo che con l'arrivo dell'ex premier Giuseppe Conte in tanti avevano sperato in una ventata di novità e maggiore direzione politica.

Nuovo M5s,addio della senatrice Botto: quali compromessi "scomodi" con Conte

Ma Elena Botto non è l'unica a esprimere un certo cordoglio nei confronti del rinato M5s, che sembrava portare con sé nuove energie grazie alla guida di Giuseppe Conte. E, invece, i punti che fino a oggi sono emersi dal dibattito politico che coinvolge il Movimento, vanno tutti nella direzione dell'adattamento a scelte di altri. Una grande delusione per i fedelissimi, che vedono in questo una continuazione di un declino già in corso, e nessun salvataggio in vista.

Il nuovo Movimento cinque stelle ha blindato il reddito, la giustizia e le altre riforme di cui si era fatto grande promotore. L'ex premier Giuseppe Conte nel video su Facebook dove presenta il nuovo M5s aveva lanciato tante proposte: dialogo aperto alla società civile e a forze che possono portare nuovo slancio, ma senza dimenticare i fondatori Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio. In questo intervento l'ex premier si era detto molto convinto: "Noi siamo quelli della legge spazzacorrotti, del superbonus e del reddito di cittadinanza, che qualcuno vorrebbe smantellare per interessi di bottega. Piuttosto rinnoviamolo nella parte delle politiche attive" dice, riferendosi chiaramente a Matteo Renzi, che nei giorni scorsi è arrivato a ipotizzare un referenudm per abolirlo. Nei fatti, però, il Movimento da "muro" nei confronti delle opposizioni, si è fatto pian piano più condiscendente. E questo, come si vede dall'addio di Elena Botto, soddisfa tutti.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x