Domenica, 01 Agosto 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Covid, Borghi: "Giornalisti mi chiedono se sono vaccinato, chiedete a gay se è sieropositivo"

Bufera sul leghista per un suo tweet. Il Pd chiede a Salvini le sue dimissioni

20 Luglio 2021

Covid, Borghi: "Giornalisti mi chiedono se sono vaccinato, chiedete a gay se è sieropositivo"

Fonte: lapresse.it

Scoppia la bufera attorno al leghista Claudio Borghi, dopo un suo tweet più che discutibile. "Perché questi eroi la prossima volta che intervistano un LGBT non gli chiedono se è sieropositivo e se fa profilassi?". Ha risposto coì Borghi in merito al dibattito sul vaccino Covid ai politici, scoppiato proprio nei giorni scorsi, quando, complice un servizio del Tg La7, si è indagato su quanti dei nostri rappresentati abbiano affettivamente fatto il vaccino contro il Covid 19.

Parole, quelle di Borchi, che non potevano essere più inopportune, dato che sono state dette mentre in aule del Senato si discute sul ddl Zan. "Coloro con i quali noi dovremmo negoziare e condividere norme contro la omotransfobia...", ha detto il segretario del Pd, il quale, tuttavia, per la verità, nemmeno prima di queste parole sembrava avere voglia di discutere con la Lega per fare una legge più giusta per tutti. 

Covid, Borghi: "Giornalisti mi chiedono se sono vaccinato, chiedete a gay se è sieropositivo"

Il segretario Pd è intervenuto dopo che molti utenti hanno commentato accusando Borghi di promuovere il "bimonio tra omosessuale-sieropositivo" e di paragonare l'Aids a una malattia che, specie per contagiosità, non ha nulla a che vedere con il Covid-19. "L'Hiv la possono prendere pure gli eterosessuali, fenomeno. vergognati", è il commento con più mi piace.

Molte critiche sono arrivate anche dal Movimento 5 Stelle. "Nel 2021 c’è ancora chi, come il leghista Claudio Borghi, alimenta l’odioso pregiudizio che associa la sieropositività e l’Hiv alle persone lgbt, falso mito sfatato da anni. Le parole del deputato leghista, contenute in un suo tweet, riportano le lancette dell’orologio indietro nel tempo, quando lo stigma verso le persone di diverso orientamento sessuale era legato alla sieropositività. Ci auguriamo che la Lega prenda le distanze da parole così aberranti ancora più gravi perché scritte da un parlamentare della Repubblica", dichiarano i parlamentari del M5s, componenti del Gruppo Pari Opportunità.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x