Mercoledì, 28 Luglio 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Conte da Draghi a Palazzo Chigi: "Incontro proficuo. Mettiamo da parte le bandierine"

Giuseppe Conte esce da Palazzo Chigi e parla dell'incontro con Draghi: ecco cosa si sono detti

19 Luglio 2021

Governo, Conte da Conte a Palazzo Chigi: l'incontro sulla riforma Cartabia

Draghi e Conte (fonte LaPresse)

Il leader in pectore del Movimento 5 stelle Giuseppe Conte arriva a Palazzo Chigi a bordo di un'auto blu per incontrare il premier Mario Draghi e, dopo un incontro definito "proficuo e molto cordiale" con il Presidente del Consiglio, si toglie la mascherina nera e racconta quanto si sono detti in queste ore. Poi lancia l'invito agli altri vertici politici: "Mettiamo da parte le bandierine, dobbiamo parlare agli italiani".

Conte da Draghi a Palazzo Chigi: "Incontro proficuo. Mettiamo da parte le bandierine"

Dopo il ritorno in campo e la presentazione del nuovo statuto, l'ex premier incontra a Palazzo Chigi Draghi, affronta diversi temi e parla della situazione politica-economica in generale nel nostro Paese. "Non possiamo abbassare la guardia - dice Conte - dopo un anno e mezzo di sofferenza". E ancora: "Il vaccino è l'unico modo per contrastare la pandemia" secondo l'ex Presidente del Consiglio e quindi l'unico modo per guidare la ripresa del Paese.

Poi continua: "Abbiamo parlato di transizione ecologica. Voi sapete - dice ai giornalisti e agli italiani - che il Movimento ha una particolare sensibilità su questo fronte e continuerà a dare un contributo da protagonista in questa direzione. L'obiettivo non è solo per il Movimento, ma per tutte le forze politiche. Dobbiamo consegnare alle future generazioni un pianeta migliore e noi lavoreremo per oggi, ma anche per domani".

Sulla riforma della giustizia, Conte assicura la collaborazione del M5s, il quale "si era già distinto per l'accelerazione dei processi penali. Saremo vigili e attenti", dice. "Si continuerà a lavorare e il Movimento guarderà a miglioramenti e interventi  che possano scongiurare soglie di impunità". "Mettiamo da parte le ideologie, mettiamo da parte le bandierine", invita. "Noi dobbiamo lavorare per gli italiani. Per loro l'amministrazione della giustizia deve essere fatta con tempi chiari e definiti ".

"Per me la politica è dappertutto, non solo a Montecitorio, ma è anche nelle strade, nei territori. Io ho pensato di non candidarmi alle suppletive perché in questo momento ho preso un impegno per me prioritario: rilanciare il M5S". I pentastellati stanno lavorando molto - conclude Conte - su diversi fronti che vanno dalla politica, all'economia fino alla sanità. Infine l'ex premier parla anche del Ddl Zan e dice: "è una legge che appoggiamo". 
 

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x