Mercoledì, 28 Luglio 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

M5s, Conte minaccia: "Vado avanti solo se mio progetto è condiviso"

L'ex premier si è espresso durante il convegno dei giovani imprenditori di Confindustria, dove erano presenti anche i microfoni de Il Giornale d'Italia

09 Luglio 2021

M5s, Conte minaccia: "Vado avanti solo se mio progetto è condiviso"

Fonte: lapresse.it

"Se sarò leader del M5S? Ci stiamo lavorando", ha detto Giuseppe Conte, interrogato in merito al futuro del partito e ai recenti litigi con il garante dei grillini Beppe Grillo. "Nell'ipotesi in cui il mio progetto venisse pienamente condiviso io ci sono, altrimenti no". L'ex Premier ha parlato durante il convegno dei giovani imprenditori di Confindustria, dove erano presenti anche i microfoni de Il Giornale d'Italia.

M5s, Conte minaccia: "Vado avanti solo se mio progetto è condiviso"

"Ormai è anche noto pubblicamente che stiamo cercando di afferrare bene il quadro dei principi che consentirà alla comunità 5 Stelle di riprendere la sua forza propulsiva. Penso che la loro presenza nel sistema italiano sia stata positiva, per questo ho deciso di lavorare con loro ma in un quadro di principi molto chiaro", ha detto ancora Giuseppe Conte.

Giuseppe Conte ha inoltre commentato la recente approvazione della riforma del processo penale. "Apprezzo il lavoro della ministra Cartabia, si è molto impegnata, ma io non canterei vittoria, non sono sorridente sull'aspetto della prescrizione, siamo ritornati a una anomalia italiana", asserisce Conte. "Delle mediazioni erano state offerte, ci sono mille espedienti per assicurare una durata ragionevole dei processi accertando la verità", prosegue, aggiungendo che "i principi costituzionali sono fondamentali" e il nuovo Movimento 5 Stelle "dovrà rispettarli. Se un processo svanisce per nulla per una durata così breve non può essere una vittoria per lo stato di diritto".

Non l'ha pensa così l'ex Grillino Alessandro Di Battista: "La prescrizione è di fatto tornata, per la gioia di chi ha denari e potere. Solo che si chiamerà 'improcedibilità'. Le decennali truffe semantiche che hanno caratterizzato le scelte partitocratiche degli ultimi 30 anni continuano evolvendosi". L'ex grillino ha scritto queste parole in un suo editoriale su Tpi, dopo che governo il Governo targato Mario Draghi ha trovato l'accordo per il pacchetto firmato Cartabia, sulla riforma della giustizia.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x