Martedì, 03 Agosto 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Berlusconi Presidente della Repubblica e semipresidenzialismo. L'idea del centrodestra

Il leader di Forza Italia al Quirinale e poi riforma costituzionale per arrivare al semipresidenzialismo. Il progetto del centrodestra per cambiare la storia del Colle e della politica italiana

05 Luglio 2021

Berlusconi: 'Nessuna trattativa in corso per il sostegno al Governo'

Silvio Berlusconi (foto LaPresse)

Silvio Berlusconi Presidente della Repubblica. Non è un mistero che l'ex presidente del consiglio e leader di Forza Italia ci speri da sempre. Più volte è uscito il suo nome per il Quirinale, ma fino a qualche tempo fa non poteva che essere una boutade visto quanto era divisivo il nome di Berlusconi. Con il passare del tempo, però, e soprattutto con l'emergere del sovranismo, la linea moderata del Cavaliere è stata rivalutata da molti, tanto che sia il Pd sia il M5s ci si sono infine ritrovati insieme al governo dopo aver giurato in passato che non sarebbe mai potuto accadere.

Berlusconi al Quirinale? Non è più impossibile

E ora l'idea di vedere Berlusconi al Colle non è più così peregrina. Il centrodestra non solo ci crede, ma sta lavorando per arrivare a questo risultato. Con un ulteriore passaggio, che avrebbe a dir poco del clamoroso. Vale a dire una riforma costituzionale che trasformerebbe l'Italia in una repubblica semipresidenziale, dando dunque maggiore potere a Berlusconi che se si trovasse al Quirinale non occuperebbe dunque più un ruolo semplicemente cerimoniale o da "arbitro".

Rotondi svela il progetto Quirinale per Berlusconi

A svelare il progetto è stato Gianfranco Rotondi, presidente della Fondazione Dc. "Per alcuni è un sogno, per altri un incubo (ma assai meno di un tempo): fatto sta che della candidatura di Berlusconi al Quirinale si parla. Ma la domanda d'obbligo è una: esiste questa possibilità? Secondo me sì. Nello scrutinio segreto, per Silvio non sarebbe improbabile un plebiscito a sua insaputa. Ma non si può pensare di portare Silvio al Quirinale con una battaglia di palazzo. Berlusconi nel Palazzo non ne ha vinta una. Ha vinto solo quando ha avuto il popolo alle spalle. Anche in questo caso, Berlusconi dovrebbe legare la sua
elezione a un percorso di riforma dell'istituto in senso presidenziale, alla francese, come il centrodestra promette da decenni".

Dopo il Colle riforma e semipresidenzialismo

"Berlusconi -aggiunge Rotondi - sarebbe l'ultimo Presidente eletto dal Parlamento, pronto a dimettersi dopo un anno e mezzo,
all'approvazione della riforma. Se questo schema sarà spiegato al Paese, non sarà difficile trovare una maggioranza parlamentare capace di compiere le scelte conseguenti. A cominciare dalla elezione ' a tempo' di Silvio''. A dir poco una rivoluzione.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x