Domenica, 25 Luglio 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Cacciari provoca Letta: "Perché Pd al governo se non vuole stare con Salvini?"

Il filosofo ed ex sindaco di Venezia: "Il segretario dem poteva evitare di farne parte"

04 Luglio 2021

Cacciari provoca Letta: "Perché Pd al governo se non vuole stare con Salvini?"

Fonte: lapresse.it

Massimo Cacciari ha parlato del Governo targato Mario Draghi lasciandosi tra l'altro a una provocazione rivolta all'attuale segretario del Pd. "Se Letta riteneva inconciliabile un governo con Salvini, poteva fare a meno di entrarci", dice il filosofo ed ex Sindaco di Venezia. "Se Letta riteneva che il Pd non potesse far parte di un governo con Salvini, poteva evitare di farne parte. Salvini non mi pare abbia cambiato idea negli ultimi minuti".

Cacciari provoca Letta: "Perché Pd al governo se non vuole stare con Salvini?"

Massimo Cacciari ha parlato a Stasera Italia, rispondendo in questo modo sul rapporto tra Lega e Pd all'interno del governo di Mario Draghi.

Negli ultimi giorni, la scena politica italiana è però caratterizzata dalle tensioni nel Movimento 5 Stelle, con il braccio di ferro tra Beppe Grillo e l'ex premier Giuseppe Conte. "C'è qualcuno in Italia interessato allo statuto del M5S? Esiste? Lo conoscete? Io sono allibito. Io ho detto che finiranno per trovare un accordo: chiunque voglia rompere perde automaticamente i gruppi parlamentari, che a casa non andranno mai".

Salvini contro Letta, tema carceri: "Non accetto che si parli di macellai per migliaia di persone"

Salvini contro Letta, in televisione il leader della Lega risponde ancora al segretario del Partito democratico. Per lui non c'è da rispondere alle provocazioni, ma decide di puntualizzare sulle questioni più spinose del momento.

"Letta il documento che ho firmato per l'Europa non lo ha letto, non commento le sue provocazioni". Ha parlato così il leader della Lega Matteo Salvini, ospite del programma 'Agenda su Skytg24 nella giornata di domenica 4 luglio. "Letta un giorno vuole lo ius soli, poi gli azzurri inginocchiati...", dice ancora il leader della Lega. "Giorgetti si occupa di economia, ma la sintonia è totale, di esteri si occupa un altro", continua Salvini, rispondendo a una domanda sulla posizione del vicesegretario della Lega sulla carta dei valori europei.

Sul capitolo governo, il leader della Lega spera "che l'Italia potrà contare su Draghi il più a lungo possibile, noi saremo al suo fianco", mentre sulla giustizia, sottolinea, "le proposte del pacchetto Cartabia sono diverse da quelle del referendum, con la sinistra al governo non si possono dividere le carriere dei magistrati e giudici, noi daremo una mano al ministro". "Io - aggiunge - sono qui per chiedere agli italiani una firma per sei referendum sulla giustizia, chiediamo un mandato ai cittadini, il parlamento per 30 anni non ci è riuscito". Per quanto riguarda gli azzurri all''Euro 2020, "spero che si inginocchino dopo il gol con la Spagna, non prima, poi sono liberi di fare quello che vogliono", sottolinea relativamente al gesto antirazzista al centro delle polemiche.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x