Martedì, 03 Agosto 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Renzi lascia la politica? "Dovevo farlo dopo referendum, avevo valigia pronta"

L'ex Premier: "Ho fatto malissimo a rimanere in politica, avevo già la valigia pronta per gli Stati Uniti”

25 Giugno 2021

Renzi lascia la politica? "Dovevo farlo dopo referendum, avevo valigia pronta"

Fonte: lapresse.it

Matteo Renzi lascia la politica? Difficile dare una risposta. Certo è che le nuove dichiarazioni dell'ex Premier, unitamente al fallimento di Italia viva sempre più giù nei sondaggi, suonano amare e aprono al dubbio che Renzi stia pensando effettivamente al ritiro dalle scene politiche. 

Dopo la sconfitta al referendum costituzionale "dovevo andarmene", dice. "Dal punto di vista personale ho fatto malissimo a rimanere in politica, avevo già la valigia pronta per gli Stati Uniti". Matteo Renzi, leader di Italia, ha risposto così a una domanda sul referendum istituzionale del 2016 a 'Belve' in onda questa sera su Raidue.

Renzi lascia la politica? "Dovevo farlo dopo referendum"

Certo, forse le nuove dichiarazioni di Matteo Renzi sono state solo di contorno, uno sfogo, o una battuta, niente di più. Difficile che dietro, come potrebbe insinuare qualcuno, ci sia una "strategia". L'ex sindaco di Firenze, durante l'intervista, è sembrato, per la prima volta, abbastanza stanco.

Renzi ha però parlato anche di altri temi. "Non avevo nessun tipo di rivalsa verso Letta", dice, in merito al suo "tradimento" quando si è sostituito, nell'incarico di Premier, proprio all'attuale segretario del Pd. "Ho pensato che stesse facendo una figuraccia, ho pensato che di fronte alle Istituzioni non si scherza. Lì, in quel momento, Enrico sta facendo una cosa che non si fa. Sta puntando a dire: guardate, sono la vittima, anziché rispettare le Istituzioni. Credo che abbia fatto un errore lui", dice ancora Renzi parlando della cerimonia del passaggio della campanella, con un Letta contrariato davanti a telecamere e fotografi.

E ancora: "Mi ha fatto effetto vedere le stesse persone che ti lusingavano, per non dire altre parole, che il giorno dopo ti ignorano”, aggiunge Renzi. Che però non fa nomi. "No, anche perché farei un elenco che parte ora e finisce domani. Le dico un nome che mi costa fatica e mi dispiace molto, legato a quando abbiamo messo Draghi al posto di Conte -prosegue il leader di Iv-. Mi ha molto colpito come Graziano Delrio ha fatto un appello ai nostri, agli ex, dicendo 'lasciate Matteo venite con noi'. Quella è stata una cosa che da Graziano non mi aspettavo. Gliel’ho detto in faccia, gli ho detto che umanamente la ferita ha lasciato una cicatrice grande. Perché me lo aspettavo da tanti, da lui no. Non pensavo che Graziano potesse diventare un membro del Politburo in quel modo".

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x