Venerdì, 25 Giugno 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Governo Draghi, Conte e la frecciata a Renzi: "Io e il Movimento saremo leali"

L'ex premier: "Non rispondere all'appello da parte del M5S sarebbe stato un volgere le spalle agli italiani"

09 Giugno 2021

Governo Draghi, Conte: "Io e il Movimento siamo leali e non staccheremo la spina"

Fonte: lapresse.it

Giuseppe Conte ha smentito le voci che parlano della volontà di M5S di staccare la spina al governo targato Mario Draghi. "Non mi potete attribuire questo pensiero recondito, perché nella mia natura, così come nel Movimento Cinque stelle c'è sempre stata lealtà e atteggiamento costruttivo nei confronti prima della comunità nazionale che nei confronti dello stesso Draghi". Queste le parole di Conte ospite di 'Di Martedì'. "Ci vedremo presto", aggiunge poi l'ex premier.

Governo Draghi, Conte: "Io e il Movimento siamo leali e non staccheremo la spina"

"La caduta del mio governo? Ho pensato che la democrazia parlamentare funziona così, se una forza che sostiene la maggioranza fa venire meno il proprio appoggio in piena pandemia... ci sta anche questo, anche se molti italiani sono rimasti un po' disorientati da questa iniziativa. Però è giusto così", ha continuato Conte sottolineando che "una crisi come quella, uno stallo provocato per circa due mesi ha fatto molto male agli italiani, ha acuito le sofferenze". 

Rimane chiaro, asserisce il leader pentastellato, "che questo ha predisposto le condizioni per un governo di unità nazionale. Non rispondere a questo appello da parte del M5S sarebbe stato un volgere le spalle agli italiani e per questo mi sono subito predisposto per far partire il nuovo governo".

Infine, quando all'ex Premier gli è stato chiesto come abbia potuto fidarsi di Matteo Renzi, Conte risponde: "Ah guardi io non sono mai stato sereno, per un motivo: un premier in piena pandemia non può essere sereno. Se poi lui ha avuto sin dall'inizio un'agenda personale partita diversa da quella che era il sostegno al governo, fatti suoi".

Governo Draghi, Conte: "Disorientano alcune scelte ma lealtà dal Movimento"

L'ex Premier Giuseppe Conte, lo stesso giorno, in un'intervista al Corriere della sera, ha parlato anche del "nuovo" Movimento 5 stelle. "Questo periodo non ha giovato al M5s, ma con la nuova leadership tornerà a far sentire la sua voce in modo chiaro e forte e lavoreremo, come sempre, per il bene del Paese", ha detto Conte.

"Alcune decisioni (del Governo, ndr) hanno scontentato i cittadini e suscitato perplessità", continua l'ex Premier. "Ma noi che abbiamo lavorato per la tenuta del Paese durante le fasi più acute della pandemia vogliamo essere protagonisti anche della ripartenza. Lo saremo in modo leale e costruttivo senza rinunciare ai nostri valori e alle nostre battaglie". Sul nuovo M5s, spiega che "avrà un respiro più ampio e internazionale, sarà in costante dialogo con la società civile e con tutte le componenti sane del Paese".

Giuseppe Conte ha poi detto che non c'è nessuno scontro con Luigi Di Maio per la guida del Movimento. "Sono tre anni che questo presunto dualismo scompare e riappare sui giornali, in realtà abbiamo sempre lavorato proficuamente fianco a fianco. Luigi darà il suo contributo fondamentale anche al nuovo Movimento". E sulla sostituzione di Arcuri con Figliuolo commenta: "Sono situazioni incomparabili. Arcuri ha fatto un lavoro straordinario nonostante critiche ingenerose e spesso strumentali".

Per quanto riguarda il M5s: "Sarò eletto democraticamente e chiamato a operare la sintesi in modo da orientare la rotta e tenere la barra dritta. Non avremo un uomo solo al comando, ma nuove figure e ruoli con numerosi organi. Ho assunto con grande entusiasmo l'impegno a elaborare il nuovo progetto e portare il nuovo statuto, che sarà votato prima delle cariche elettive".

M5s, Conte: "Gli iscritti verranno consultati anche di più"

Gli iscritti, ribadisce il pentastellato, "li consulteremo ancor più di prima". Lo faranno "attraverso una piattaforma telematica che rimarrà lo strumento principale". La questione del secondo mandato "non è nel nuovo statuto, sarà risolta in seguito con il nuovo codice etico e la discussione sarà fatta in modo trasparente. Nel nuovo Movimento la figura del garante non può non essere Grillo, presenza insostituibile".

Infine Conte ha spiegato cosa è successo con Davide Casaleggio. "Le strade si sono divise, ma io e tutto il Movimento abbiamo grande rispetto per Casaleggio, padre e figlio", dice. Infine: "L'appoggio a Draghi è stato una scelta difficile e io ho rispetto per chi si è allontanato".

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x