Domenica, 09 Maggio 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Renzi e servizi segreti, il caso mostrato da Report: "Io continuo a lottare"

L'ex premier e attuale leader di Italia viva: "Più mi attaccano con fake news, più lotto"

04 Maggio 2021

Renzi e servizi segreti, il caso mostrato da Report: "Io continuo a lottare"

Fonte: lapresse.it

Il leader di Italia viva Matteo Renzi è nel mirino di un servizio di Report per il caso dei servizi segreti. "Più mi attaccano con fake news e follie, più mi viene voglia di continuare a lottare", ha scritto l'ex premier in un tweet, difendendosi dopo il servizio di Report nel quale si fa riferimento a un incontro tra il leader di Italia Viva e lo 007 Marco Mancini nel periodo della crisi del governo Conte. "Domani arrivano le ENews e nelle prossime settimane il libro ControCorrente che da stasera ha un capitolo in più sui servizi segreti. Un sorriso e buona notte amici", continua Renzi, sviando il discorso.

Renzi e servizi segreti, il caso mostrato da Report: "Io continuo a lottare"

Il servizio di Report, a firma di Giorgio Mottola e Danilo Procaccianti, propone immagini su quello che la stessa trasmissione ha definito come un "misterioso incontro" che si è svolto "in piena crisi di governo, tra Matteo Renzi e lo 007 Marco Mancini". Renzi, ancora prima della messa in onda del servizio, aveva già preso posizione. "Messaggio agli inconsolabili: il Governo Conte non è caduto per intrighi, complotti o incontri segreti (all’autogrill...). Semplicemente Draghi è meglio di Conte e l’Italia oggi è più credibile. Tutto qui, si chiama politica".

"Mancini è uno dei dirigenti dei servizi segreti con cui ho avuto incontri riservati", ha spiegato Matteo Renzi. "Penso di averlo visto anche all'autogrill. Se si fa riferimento al fatto che io lo abbia visto a dicembre in autogrill, assolutamente sì. A meno che non si voglia sostenere che l'incontro all'autogrill fosse riservato, ci sono pure le telecamere...". E ancora: "Mi pare di ricordare che questo video sia di dicembre o gennaio e mi colpisce molto perché io dovevo incontrare Mancini qui (al Senato ndr) me ne ero dimenticato, ci siamo sentiti mentre io ero già in viaggio verso Firenze e lui mi ha raggiunto all'autogrill a Fiano Romano". Secondo l'ex Premier, dunque, "è molto strano che ci fosse qualcuno a riprendere questo video".

Renzi e servizi segreti, il caso mostrato da Report: "Di cosa sono accusato?"

"Il dottor Mancini aveva un ottimo rapporto con il presidente Conte", spiega Renzi. "Quindi sulle nomine bisogna parlarne con Conte. Anche perché io sulle nomine dei servizi non ho mai messo bocca da un giorno specifico: 4 dicembre 2016, quando ho perso il referendum e mi sono dimesso. Chi decide è il presidente del Consiglio. Quindi da allora mai messo bocca, ho solo chiesto al presidente Conte di lasciare il ruolo di autorità delegata". "Mi chiedo solo chi ha fatto il video chi stava seguendo: il dottor Mancini o me?", prova a insinuare il dubbio Renzi.

"C'è un'interrogazione parlamentare su questo e quando ci sarà la risposta del ministro dell'Economia vedremo se, come io penso e spero, sia uno di quei tanti dossier che vengono mandati e non sono veri", ha continuato Matteo Renzi parlando del presunto pagamento di 45mila euro per realizzare un servizio sul leader Iv. "Spero che una trasmissione così importante della Rai non paghi qualcuno per dire falsità. La Rai la pago anche io del resto... Io non ci credo. Non ho alcuno dubbio che il vostro comportamento sia cristallino. Io comunque il dossier non l'ho visto".

Renzi e servizi segreti, il compenso di una conferenza ad Abu Dhabi

Renzi si è anche dovuto difendere dalle accuse di aver ricevuto circa 33mila euro, compenso di una conferenza ad Abu Dhabi, che sarebbero stati consegnati non al leader Iv ma a una società. "I soldi non fanno un giro strano", risponde il leader di Italia viva. "Non c'è niente di strano, è molto simpatico cercare di fare immaginare che ci sia sempre qualcosa sotto ma quando si fanno le conferenze tutto è trasparente. Tra l'altro il reddito dei politici è pubblico".

E ancora: "Questi soldi sono trasparenti? Sì. Sono tracciati? Sì. Sono denari che vengono formalmente dichiarati alle autorità competenti. Non c'è niente di strano. I politici devono dichiarare tutti i denari che incassano, tutte le priorità, tutti i movimenti bancari significativi. E' tutto trasparente". "Si fa sempre per i politici ed è un bene. Io la farei anche per i giornalisti. Quando ci sono operazioni superiori a diecimila euro scatta in automatico la segnalazione di operazione sospetta", ha concluso Matteo Renzi.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti