Domenica, 14 Agosto 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

politica

Lavoro: Cuperlo (Pd), '1 maggio particolare, la sfida è tenuta coesione sociale'

29 Aprile 2022

Roma, 29 apr (Adnkronos) - “Sarà un Primo maggio particolare, con la guerra scatenata dal Cremlino e la crisi che colpisce anche il nostro Paese. Difficile chiamarla Festa. Ma anche nei momenti più difficili la giornata che celebra il lavoro è stata capace di mobilitazioni straordinarie nella rappresentazione di diritti e bisogni di milioni e milioni di lavoratrici e di lavoratori”. Lo ha detto Gianni Cuperlo, presidente della Fondazione Costituente del Pd, ai microfoni di Radio Immagina, la web radio del partito democratico.

“Sono molto in sintonia con la proposta di Patto avanzata dal ministro del lavoro, Andrea Orlando. Di fronte a una crisi che la guerra ha acuito ma che ci trasciniamo da oltre un decennio – recessione, pandemia, conflitto – come è possibile non vedere che di fronte all’aumento dell’inflazione, alla bassa crescita, a tariffe energetiche alle stelle, al calo dei consumi, occorre preservare in ogni modo il potere d’acquisto per milioni di famiglie?", ha spiegato Cuperlo.

"La via è quella del salario minimo. Ed è da sottolineare come sul tema sia cambiata in positivo la risposta del segretario della Cgil Maurizio Landini e di quello della Uil Pierpaolo Bombardieri”, ha aggiunto.

(Adnkronos) - "L’esigenza di una legge sulla rappresentanza rimane intatta, però ci sono delle ipotesi in campo per una soluzione condivisa sul tema del salario minimo, utilizzando per esempio i contratti già in essere, che ovviamente devono prevedere l’accordo con le parti sociali”, ha proseguito l'esponente del Pd.

In gioco, ha concluso Cuperlo, “c’è la capacità delle democrazie di rispondere ai bisogni dei cittadini, di non allargare il divario tra vita quotidiana e istituzioni. In questo senso credo che il vertice di Confindustria stia commettendo un doppio errore rifiutando il Patto. Da un lato nega tutele e garanzie ai lavoratori, dall’altro indebolisce una possibile ripresa dei consumi che penalizza proprio le imprese. Qualità della democrazia e tenuta della coesione sociale del Paese, la sfida è questa anche nelle piazze di un 1 maggio particolare come questo”.

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x