Lunedì, 04 Luglio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

economia

**Ucraina: Badon (Assocalzaturifici), ‘situazione critica, colpo di grazia a sistema**

24 Febbraio 2022

Milano, 24 feb. (Adnkronos) - “Dopo l’impatto della pandemia, il comparto calzaturiero, una delle eccellenze del Made in Italy rischia di subire un altro duro colpo. L’operazione militare russa in Ucraina porterà ricadute rilevanti sulle nostre aziende”. Così Siro Badon, presidente di Assocalzarurifici, commenta l’impatto che la guerra in Ucraina potrebbe avere per il settore.

“Le eventuali sanzioni e restrizioni impatteranno sull'interscambio commerciale con questi Paesi - osserva -. La Russia rappresenta uno dei mercati di riferimento con 3 milioni di paia di scarpe acquistate per un fatturato pari a 220 milioni di euro ed una crescita nell’ultimo anno del 9%. L’Ucraina, che invece importa 400mila paia di scarpe italiane per un valore di 30 milioni di euro, ha registrato una crescita del +16%”.

I mercati di Russia e Ucraina sono “prioritari per la calzatura italiana a tutti i livelli - sottolinea Badon - con una clientela che risponde ad una domanda di beni di lusso e di fascia alta, sono paesi importanti dove organizziamo periodicamente appuntamenti fieristici attesi dalle nostre imprese”.

La situazione “è davvero critica - conclude Badon - e se non si sblocca, oltre che sul piano umanitario, prevalente su tutto, il nostro sistema produttivo potrebbe ricevere un colpo  durissimo. E dopo due anni di pandemia, sommati al caro energia che ci sta mettendo in ginocchio insieme all’inflazione e all’impennata del costo delle materie prime, la ripresa tanto attesa potrebbe essere vanificata”.

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x