Sabato, 27 Novembre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

cronaca

Caso Eitan: prosegue udienza a Tel Aviv, ancora attesa su futuro del bambino

10 Ottobre 2021

Milano, 10 ott. (Adnkronos) - E' ancora in corso l'udienza, a porte chiuse, davanti al tribunale della famiglia di Tel Aviv chiamato a decidere sulla vicenda di Eitan, il bambino sopravvissuto alla tragedia del Mottarone e ora conteso dalle famiglie. La decisione - secondo fonti legali - arriverà nei prossimi giorni, se non tra un paio di settimane: il giudice israeliano deve decidere esclusivamente in base alla Convenzione dell'Aja se il minore deve crescere in Israele o tornare in Italia dove viveva con la zia Aya, tutore legale.

Nella prima parte dell'udienza, iniziata alle 13.30 alla presenza della zia paterna e del nonno Shmuel Peleg indagato a Pavia per sequestro di persona, ha testimoniato la sorella della mamma di Eitan, morta insieme al marito e al loro secondo figlio nella funivia precipitata il 23 maggio scorso. Nel tardo pomeriggio, invece, la parola è passata a un paio di consulenti del nonno paterno per chiarire aspetti del diritto italiano e mettere in discussione la legittimità dell'affidamento provvisorio per il quale è in programma il prossimo 22 ottobre un'udienza davanti al tribunale per i Minorenni di Milano.

Se il giudice al termine della prima udienza ha preso una decisione 'salomonica' affidando Eitan tre giorni alla zia Aya e tre giorni con il nonno Peleg, ora il verdetto dovrà fare chiarezza su dove dovrà vivere il bambino di sei anni. La sentenza, naturalmente, potrà essere impugnata dalla parte perdente.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x