Sabato, 16 Ottobre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

cronaca

Mafia: processo trattativa, Corte assise appello Palermo si ritira in Camera consiglio

20 Settembre 2021

Palermo, 20 set. (Adnkronos) - La Corte d'assise d'appello di Palermo si è appena ritirata in Camera di consiglio per emettere la sentenza del processo sulla trattativa tra Stato e mafia. Prima ci sono state le repliche della difesa dell'ex senatore Marcello Dell'Utri, del generale Mario Mori e del colonnello Giuseppe De Donno. La Procura generale di Palermo, al termine della requisitoria, aveva chiesto alla corte d'assise d'appello di confermare le condanne inflitte in primo grado a boss, ex carabinieri e politici imputati di minaccia a Corpo politico dello Stato.

In primo grado il boss Leoluca Bagarella fu condannato a 28 anni di carcere, gli ex ufficiali del Ros Mario Mori e Antonio Subranni, l'ex senatore di Fi Marcello Dell'Utri e l'ex medico fedelissimo di Toto' Riina, Antonino Cinà furono condannati a 12 anni. Otto anni la pena inflitta all'ex capitano del Ros Giuseppe De Donno. La Corte, in primo grado, aveva dichiarato il "non doversi procedere" nei confronti del collaboratore di giustizia Giovanni Brusca per intervenuta prescrizione visto il riconoscimento delle attenuanti previste per i collaboratori di giustizia. Brusca ha partecipato al processo in collegamento da una località riservata, dopo essere stato scarcerato per fine pena, tra le polemiche, la settimana scorsa, dopo 25 anni di detenzione. Anche Massimo Ciancimino era stato condannato a 8 anni per calunnia e concorso esterno ma poi, nel secondo grado, la sua posizione è stata stralciata perché il reato è andato prescritto. La sentenza dovrebbe essere emessa nei prossimi giorni.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x