Domenica, 26 Settembre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

politica

Recovery: Mattarella, 'Pnrr programma a lungo termine per transizione verde e digitale'

15 Settembre 2021

Roma, 15 set. (Adnkronos) - "Nel corso di quest’anno abbiamo compiuto, insieme, passi avanti significativi. Le crisi ci hanno insegnato come la tutela delle nostre sovranità passi necessariamente attraverso la difesa e lo sviluppo della sovranità condivisa nell’Unione. La pandemia ci ha spinto a predisporre strumenti nuovi, agendo rapidamente, per rispondere alle attese degli europei che chiedevano protezione e sostegno. Next Generation non è soltanto un piano di resilienza e ripresa ma un programma a lungo termine verso una doppia transizione, verde e digitale. Si tratta di costruire il nostro futuro". Lo ha affermato il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, intervenendo alla prima sessione di lavori del sedicesimo incontro del Gruppo Arraiolos in corso al Quirinale, che riunisce i Capi di Stato e non di Governo di Italia, Bulgaria, Germania, Estonia, Irlanda, Grecia, Croazia, Lettonia, Ungheria, Malta, Austria, Polonia, Portogallo, Slovenia e Finlandia. Assente a Roma il Presiedente della Bulgaria, trattenuto in Patria dalla crisi di Governo.

Titolo della prima riunione di questa mattina 'Unione europea sulla via dell'autonomia strategica: responsabilità e opportunità'. "Next Generation -ha affermato ancora Mattarella nel suo intervento, di cui una sintesi è stata diffusa dall'Ufficio stampa del Quirinale- è la strategia. Il percorso per realizzarlo è l’autonomia dell’Unione. Per dar vita a questa prospettiva vi sarà bisogno di investimenti considerevoli, sia nel settore industriale sia nella riqualificazione della forza lavoro; investimenti che nessun Paese da solo può porre in campo".

"Basterebbe la doppia transizione, verde e digitale, per comprendere -ha rimarcato il Capo dello Stato italiano- che si tratta di un’impresa dalla quale scaturirà una Unione alla cui base sarà la sovranità condivisa. Questa è, del resto –a me sembra- l’unica strada per salvare e mantenere le nostre sovranità senza che divengano, se isolate, illusorie".

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x