Mercoledì, 23 Giugno 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

cultura

Letteratura: addio a Robert Hollander, il dantista che ha tradotto la Commedia in inglese

09 Giugno 2021

New York, 9 giu. - (Adnkronos) - Lo storico della letteratura statunitense Robert Hollander, tra i maggiori studiosi anglosassoni di Dante Alighieri e Giovanni Boccaccio, autore di un'acclamata traduzione in inglese della "Divina Commedia", è morto nella casa di suo figlio lungo il pendio del vulcano Mauna Kea, nella città di Pau'uilo, nelle isole Hawaii, l'età di 87 anni. La scomparsa risale al 20 aprile scorso ma la notizia si è appresa solo ora, con l'annuncio dato dalla figlia Zaz Hollander al "New York Times".

Hollander ha insegnato letteratura italiana all'Università di Princeton dal 1961 al 2011, tenendo corsi su Dante per 40 anni. Come dantista ha pubblicato quattro studi monografici e circa cento articoli, molti dei quali raccolti nel volume "Studies in Dante" pubblicato da Longo Angelo nel 1980. In italiano sono usciti anche il saggio "Il Virgilio dantesco: tragedia nella Commedia" (Olschki, 1982) e un'introduzione a Dante (per Marzorati-Editalia, 2000). Con la moglie, la poetessa Jean Hollander (nata come Jean Haberman) ha curato la traduzione della "Divina Commedia" (Doubleday/Anchor, 2000-2008), considerata la più scorrevole in lingua inglese, ottendo ammirate recensioni sul "New Yorker", del critico letterario Joan Acocella e dello scrittore Tim Parks. I suoi lavori su Boccaccio includono tre volumi di studi critici e una traduzione ("Amorosa visione", 1986).

Robert Hollander ha fondato e diretto il Dartmouth Dante Project e il Princeton Dante Project, progetti pionieristici che hanno utilizzato dagli anni '80 la tecnologia informatica per digitalizzare i commenti della "Divina Commedia". E' stato anche il fondatore e il direttore dell'Electronic Bulletin of the Dante Society of America. Tra i riconoscimenti ricevuti da Hollander spiccano la Medaglia d'oro del Comune di Firenze (1988), la Medaglia di Bronzo della Città di Tours (1993), la cittadinanza onoraria del comune di Certaldo (1997), il Premio Internazionale Nicola Zingarelli per la critica e filologia dantesca (1999), il Charles T. Davis Award (Dante Society of America, 2005), la presidenza onoraria dell'Ente Nazionale Giovanni Boccaccio (dal 2007) e l'elezione al Consiglio della Società Dantesca Italiana (dal 2008).

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x