Martedì, 05 Luglio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

made-in-italy

Napoli: concerto dell’Epifania ritorna con il pubblico al Teatro Mediterraneo

22 Dicembre 2021

Napoli: concerto dell’Epifania ritorna con il pubblico al Teatro Mediterraneo

Napoli, 22 dic. (Labitalia) - Cresce l’attesa per la 27.ma edizione del concerto dell'Epifania, il tradizionale appuntamento musicale in programma martedì, 4 gennaio 2022, alle ore 20.30, presso il Teatro Mediterraneo di Napoli, che sarà trasmesso, com'è consuetudine, nella seconda serata di giovedì, 6 gennaio 2022, alle ore 23.30 su Rai 1 subito dopo la Lotteria Italia. Il concerto dell’Epifania è ideato e promosso dall'associazione Oltre il Chiostro onlus, presieduta da Giuseppe Reale – autore dell’appuntamento musicale - e prodotta per la Rai dalla Melos International di Dante Mariti, insieme all’associazione Musica dal Mondo, che cura l'intera organizzazione dell'evento; la direzione artistica è affidata, invece, a Francesco Sorrentino.

La conduzione sarà affidata, per il secondo anno consecutivo, a Arianna Ciampoli, volto noto di diversi programmi televisivi e radiofonici di successo, mentre la regia sarà curata, anche quest’anno, da Barbara Napolitano. Tutti gli artisti si esibiranno dal vivo sul palco del Teatro Mediterraneo di Napoli e saranno accompagnati dalla grande Orchestra Partenopea di Santa Chiara, diretta dal M° Adriano Pennino.

“L’attenzione da rivolgere ai contesti dell’educazione, del lavoro e del dialogo tra le generazioni -afferma Giuseppe Reale, presidente dell’associazione Oltre il Chiostro onlus – apre ai tre percorsi, che Papa Francesco indica come strumenti per costruire una pace duratura nel suo 55.mo messaggio per la Giornata Mondiale della Pace 2022, istituita da Paolo VI nel 1967.L’intuizione di fondo di questo appuntamento televisivo, ormai giunto alla soglia dei tre decenni, è stata quella di amplificare, da Napoli, un impegno ordinario e costante affinché l’animazione culturale costituisca un modo autorevole, per prendere familiarità con le visioni di futuro che ispirano la crescita sociale. Questa capacità di praticare esercizi di futuro è emersa in tutta la sua necessità proprio con l’esperienza pandemica”.

Questo messaggio sarà figurativamente rappresentato grazie alle installazioni artistiche di tre sculture alate di Domenico Sepe, con cui si è voluto ricordare il valore della reciproca custodia per l'altro, come espressione di un impegno solidale e come proposta etica nell’odierna complessa emergenza di futuro. All'Epifania non potranno mancare di certo i tre Re Magi, la cui contemporanea interpretazione artistica la si deve all'estro creativo di Mirkò.

“Per tante precedenti edizioni -sostiene il direttore artistico Francesco Sorrentino- il nostro motto è stato 'migliorare sempre', mentre da ormai due anni è diventato 'resistere'. Per il secondo anno consecutivo, infatti, ci troviamo ad organizzare questo importante evento tra non poche difficoltà operative e logistiche dettate dalla contingenza sanitaria. Nonostante tutto, stiamo allestendo uno spettacolo di grande respiro, con lil desiderio di regalare un’Epifania nelle case degli italiani con le melodie di tanti artisti, che io amo definire artigiani della pace. Proporre da Napoli la ventisettesima edizione del Concerto dell’Epifania, progetto culturale e divulgativo di grande impatto, è motivo di orgoglio per quanti, insieme a me, profondono il massimo sforzo per la riuscita di un'iniziativa sempre molto attesa”.

Il cast di questa edizione è, ancora una volta, da grande serata della musica e del dialogo culturale tra diversi generi musicali; si annuncia, infatti, la partecipazione di (in ordine alfabetico): il fisarmonicista Pietro Adragna, Eugenio Bennato, il chitarrista Francesco Buzzurro, Giovanni Caccamo, Federica Carta, Sal Da vinci, Gianfranco Gallo, il rapper Ghemon, Raphael Gualazzi, dal Portogallo la fadista Teresinha Landeiro, Simona Molinari, Pietra Montecorvino, Morgan e direttamente dai successi di XFactor Romania la band napoletana I Super 4.

La manifestazione è associata alla consegna dei Premi Nativity in the World 2022, in collaborazione con il centro permanente di ricerche e studi sul presepe napoletano, presieduto da Umberto Grillo. Per quest'anno sono stati individuati tre ambiti (educazione, lavoro, dialogo tra le generazioni) proprio sulla base del messaggio papale di inizio d’anno: A Pasquale Giustiniani, già professore ordinario di filosofia teoretica, andrà il premio per il suo quarantennale generoso e qualificato impegno nel campo della formazione dei giovani e dei processi educativi, insieme alla competenza espressa nel campo della ricerca bioetica; al network nazionale di associazioni Wau! - We Are Urban, che si prendono cura delle proprie città con azioni mirate e che condividono valori di legalità, coscienza ambientale e cura dei beni comuni; all’organizzazione napoletana per il volontariato Asso.gio.ca (Associazione Gioventù Cattolica), presieduta da Gianfranco Wurzburger ed operante dal 1997, andrà il pubblico riconoscimento per la dedizione a realizzare una vera promozione della vita tra i giovani, concentrando le proprie attività in molteplici settori. Per la sezione del Premio dedicato a Mario Da Vinci, il riconoscimento andrà a Gianfranco Gallo.

Dopo l'edizione del 2021, andata in onda senza il concorso di pubblico a causa dell’emergenza pandemica, la presenza in sala nel corso della registrazione del 4 gennaio – con accesso ad invito e possesso obbligatorio del Green pass rafforzato - sarà occasione di festa e, soprattutto, un segnale di speranza e di ripresa dopo questo perdurante clima da incombente lockdown. La manifestazione gode del patrocinio della Presidenza della Regione Campania, della Città Metropolitana di Napoli e del Comune di Napoli.

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x