Domenica, 11 Aprile 2021

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Trasformazione digitale delle Assicurazioni, Cécile André (RGI): "Puntare su skills e talenti"

Cosa ne sarà delle Compagnie Assicurative nel mondo digitalizzato del futuro? La parola a RGI

23 Marzo 2021

Trasformazione digitale delle Assicurazioni, Cécile André (RGI): "Puntare su skills e talenti"

Cécile André, RGI (fonte: https://blog.rgigroup.com/author/cecileandreleruste_2020/)

Un 2020 che riporta dei risultati positivi per RGI, Software Vendor indipendente, leader in Europa nella trasformazione digitale delle Compagnie assicurative.

E’ ormai chiaro che il settore assicurativo ha un sostanziale bisogno di tecnologie che ne supportino la crescita. Ma risulta anche fondamentale la componente umana. A cosa servono grandi tecnologie se non abbiamo le persone che sanno come sfruttarle? E’ proprio su questo binomio che RGI sta puntando per veicolare la propria crescita. Un binomio che vede fondersi l’essere umano alla tecnologia in un’ottica di co-evoluzione. Una vera e propria simbiosi quella tra uomo e digitale che non può più essere ignorata. E’ sempre più conclamato: non abbiamo solo bisogno di sviluppare nuove tecnologie ma siamo noi, in quanto specie umana, a doverci digitalizzare imparando a vivere nella tecnologia. Lo sottolineano l’Amministratore Delegato di RGI Cécile André e Alberto Piva Chief Executive Officer RGI a Il Giornale d’Italia.

RGI, Cécile André: "Sviluppo internazionale, centralità del prodotto e importanza della componente umana sono le nostre priorità"

“Buongiorno, sono Cécile André, Amministratore Delegato di RGI Group. Nel 2020 abbiamo avuto bei risultati nonostante sia stato un anno molto difficile per tutto il paese e per tutta l’Europa. Siamo cresciuti insieme ai nostri clienti nel settore delle assicurazioni con una particolare attenzione ai nostri dipendenti a cui abbiamo dato molti training. C’è anche stata una crescita numerica dei dipendenti. Per il 2021 abbiamo lanciato una nuova strategia a livello di gruppo con tre priorità. La prima priorità è lo sviluppo internazionale, adesso siamo leader in Europa e vogliamo essere ancora più leader per i nostri clienti, ancora più proattivi e dunque stiamo crescendo in quanto numero di clienti e attualmente siamo a più di 120 clienti in tutta Europa. Stiamo crescendo anche a livello di cross selling, attività molto importante per i nostri clienti più fedeli e a livello di sviluppo internazionale in Europa dell’est e anche sul Mediterraneo”.

“La seconda priorità riguarda lo sviluppo del prodotto con un’offerta “P and C Life Claims” molto importante e lo sviluppo di un’offerta più sul front office, più anche sul settore Providence and Health e anche un’offerta più coerente sui paesi che stiamo coprendo. Vogliamo inoltre creare un ecosistema di Fintech, di Insuretech che saranno al servizio dei nostri clienti. Abbiamo cominciato a lavorare con alcune di queste Insuretech e anche a lavorare con i grandi del cloud, in particolare con AWS, con cui abbiamo annunciato un accordo la settimana scorsa”.

 

“Terza priorità: skills e talenti di RGI”, continua l’ad. “La voglia di sviluppare skill e talenti e fare un push sul training per i nostri dipendenti, ovviamente, ma anche per i nostri clienti e partners. La nostra volontà è quella di sviluppare il lavoro con partners tecnologici e per questo è importante la capacità di sviluppare skills. Questo fa anche parte della nostra visione ESG del futuro che si basa su tre importanti poli: sviluppo delle skills, diversità e impatto sull’enviroment con grande sforzo sull’energia”.

RGI, Piva: "Focus sulla centralità del cliente, risorse umane e roadmap di prodotto"

“Il risultato del 2020 ha visto una continua crescita rispetto agli esercizi precedenti, - afferma a Il Giornale D'Italia Alberto Piva Chief Executive Officer RGI - in un contesto altamente complesso e sfidante caratterizzato dalla pandemia che ha influenzato negativamente tutte le economie europee. In questo contesto noi abbiamo performato con una grossa resilienza e un grosso spirto di squadra, per il quale devo continuamente ringraziare tutto il team e anche i nostri clienti. Partiamo da una situazione privilegiata per affrontare un 2021 che si svilupperà secondo le seguenti strategie: una maggiore centralità del cliente, una grossa attenzione alle risorse umane in termini di sostenibilità, di percorsi di carriera, di capacità di crescere nell’ambiente RGI, un roadmap di prodotto molto robusta che andrà a beneficiare di grossi investimenti effettuati negli anni precedenti, soprattutto nelle business unit del Vita e dei sinistri. Ovviamente anche l’Country Italia sposa appieno tutta la strategia ISG nelle varie forme”.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

iGdI TV

Articoli Recenti

Più visti