Mercoledì, 05 Ottobre 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Ucraina, referendum per adesione a Russia nelle aree occupate. Mosca: "No soluzione diplomatica"

Il ministro degli Esteri di Kiev, Dmytro Kuleba, attacca: "I referendum farsa non cambieranno nulla"

20 Settembre 2022

Ucraina, referendum per adesione a Russia nelle aree occupate. Mosca: "No soluzione diplomatica"

fonte: imagoeconomica.it

Continua la guerra in Ucraina e, mentre le truppe di Kiev e quelle di Mosca non smettono di scontrarsi, i vertici di Mosca preparano un referendum per l'adesione alla Russia da somministrare agli abitanti delle aree occupate del Paese di Zelensky dal 23 al 27 settembre. Il Cremlino poi chiude ad una possibile soluzione diplomatica: "Al momento non la stiamo valutando e non sono visibili", fa sapere il portavoce Dmitry Peskov all'agenzia di stampa Interfax. 

Ucraina, referendum per l'adesione alla Russia nelle aree occupate. Il Cremlino: "Al momento nessuna soluzione diplomatica"

Ormai da settimane le autorità russe hanno preso il controllo di diverse zone della Russia. Si tratta, in particolare, di Lugansk, Donetsk e della regione di Kherson, dove i vertici hanno annunciato che, a brevissimo, si terrà un referendum. In questo ci sarà una semplice domanda: "Siete favorevoli, voi cittadini, ad annettere questi territori alla Russia?". Le risposte possibili saranno due: o sì, oppure no.

In realtà, il voto era già stato fissato per l'inizio di settembre, ma "era stato rinviato per ragioni di sicurezza", ha fatto sapere Kirill Stremousov, il vice capo dell'amministrazione regionale di Kherson. Oggi però l'ex presidente russo Dmitry Medvedev ha insistito sostenendo che è ''fondamentale'' che i separatisti filo russi tengano in Ucraina referendum per l'adesione alla Russia. In particolare ha citato l'importanza dell'adesione delle regioni di Donetsk e Luhansk.

Alla notizia del referendum per l'adesione alla Russia nelle aree occupate dell'Ucraina, il ministro degli Esteri di Kiev, Dmytro Kuleba, ha commentato: "I 'referendum' farsa non cambieranno nulla. Né lo farà qualsiasi 'mobilitazione' ibrida. La Russia è stata e resta un aggressore che occupa illegalmente parti del territorio ucraino". Lo ha scritto in un tweet. E ancora: "L'Ucraina ha tutto il diritto di liberare i suoi territori e - ha concluso- continuerà a liberarli qualsiasi cosa dica la Russia".

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x