Martedì, 04 Ottobre 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Anne Heche e l'incidente stradale tragico. La famiglia: "È cerebralmente morta, non sopravviverà"

La famiglia in una nota sembra già dire addio all'attrice. L'addetto stampa: "Viene tenuta in vita per determinare se alcuni organi sono vitali per poter essere donati"

12 Agosto 2022

Anne Heche

Anne Heche fonte Facebook (Breakfast Television)

La situazione riguardo l'attrice statunitense Anne Heche sta tenendo in molti sulle spine. Nelle ultime ore però arriva una dichiarazione che sa di sentenza: "Non sopravviverà". Lo comunica tranchant a Usa Today l'addetta stampa della famiglia della stessa Heche in gravi condizioni e ricoverata in ospedale con una "grave lesione cerebrale anossica", causata da una prolungata mancanza di ossigeno al cervello. La portavoce Heather Duffy Boylston ha reso noto che l'attrice ha avuto bisogno di un intervento chirurgico poiché ha riportato ustioni. Heche ha anche ricevuto lesioni polmonari che ha reso indispensabile l'uso di un ventilatore per la respirazione. Le indagini hanno scoperto che l'attrice era sotto effetto di cocaina e forse di Fentanil.

Incidente di Anne Heche, la ricostruzione

Anne Heche ha avuto un brutto incidente la settimana scorsa schiantandosi con l'auto che guidava, la Mini Cooper con una casa a due piani nel quartiere Mar Vista di Los Angeles. I danni strutturali all'abitazione seguono quelli cerebrali per l'attrice. I soccoritori sono arrivati immediatamente per spegnere le fiamme e solamente dopo un'ora di tempo ce l'hanno fatta. Le stesse fiamme però che avevano devastato il corpo dell'attrice. Che ora stando alle dichiarazioni ufficiali dell'addetto stampa si troverebbe ad un passo dalla morte.

La famiglia fa sapere: "È stata a lungo una sua scelta di donare i suoi organi e viene tenuta in vita per determinare se alcuni sono vitali". La dichiarazione si conclude con un ringraziamento ai sanitari: "Il personale dedicato e le meravigliose infermiere che si sono prese cura di Anne al Grossman Burn Center del West Hills Hospital" di Los Angeles.

"Anne aveva un cuore enorme e ha toccato tutti quelli che ha incontrato con il suo spirito generoso - continua la dichiarazione - Più che il suo straordinario talento, ha visto diffondere gentilezza e gioia come il lavoro della sua vita, specialmente muovere l'ago per accettare chi ami. Sarà ricordata per la sua coraggiosa onestà e ci mancherà moltissimo per la sua luce".

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x