Venerdì, 12 Agosto 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Cina, attacco hacker fa tremare Pechino: trafugati dati a oltre 1 miliardo di cittadini

Cina, attacco hacker da parte di ChinaDan che fa tremare Pechino: 10 bitcoin equivalenti a 200.000 dollari richiesti dal Cybercriminale per la cessione di 23 terabyte contenenti dati di un miliardo di dati riconducibili al 71% della popolazione cinese , trafugati alla polizia di Shanghai.

06 Luglio 2022

Attacco hacker all'anagrafe di Torino

Fonte: Pixabay

ChinaDan fa tremare Pechino: la settimana scorsa ha richiesto 10 bitcoin di riscatto equivalenti a 200.000 dollari, per la cessione dei 23 terabyte contenenti dati di circa un miliardo di persone, trafugati alla polizia di Shanghai.

Cina, attacco hacker: 23 terabyte di file trafugati

Si tratterebbe del furto di dati più importante della storia e che pesa esattamente 23 terabyte. I dati sarebbero stati trafugati a diverse fonti e in particolare alla polizia cinese di Shanghai. Conterrebbero i numeri telefonici, dettagli di rilevanza penale, numeri di documenti d'identità, nomi, indirizzi, date di nascita, sottratti e per cui è stato richiesto il pagamento oltre una settimana fa di 10 Bitcoin.

Tuttavia qualcuno ha avanzato ipotesi di scetticismo sulla veridicità di quanto affermato dal pirata informatico poiché si tratta di 23 terabyte di file violati e su cui non è scattato neanche l'ipotesi di allerta per attacco a sistemi informatici. Tuttavia l'argomento scuote lo stesso il governo cinese poiché nel paese del dragone il tema della gestione dei dati personali è fortemente sentito. Il governo infatti mantiene quasi tutti i dati che transitano su internet dei cittadini cinesi, ufficialmente per scopi di sicurezza anche se c'è chi ha sollevato un problema di controllo relativo alla volontà di controllo della massa.

Cina, attacco hacker: "Shanghai data leake" nato dalla violazione di un server di Alibaba

Il pirata avrebbe agito indisturbato trafugando i dati di moltissimi cittadini cinesi, tra quelli che risiedono nelle città più urbanizzate e popolose a coloro che invece abitano le sperdute aree del Tibet.

Se la notizia venisse confermata sarebbe il più grande furto di dati avvenuto in Cina, più importante di quello avvenuto nel 2016 dove furono trafugati i dati di molte persone in vista in Cina tra cui il fondatore di Alibaba Jack Ma.

La notizia è stata riportata dai tabloid come il caso Shanghai data leake. Secondo l'analista Robert pattern cofondatore di internet 2.0 un gruppo che si occupa di cyber sicurezza, i dati sarebbero stati sottratti da un server di Alibaba che era stato archiviato dalla polizia di Shanghai.

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x