Domenica, 03 Luglio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Usa, sulle armi la Corte Suprema beffa Biden: ora si possono portare fuori casa

La sentenza della Corte Suprema arriva dopo che il presidente Usa aveva chiesto di limitare l'uso di armi al Congresso: doppia beffa per Joe Biden

23 Giugno 2022

Usa, sulle armi la Corte Suprema beffa Biden: ora si possono portare fuori casa

fonte: imagoeconomica.it

La Corte Suprema Usa boccia e definisce "incostituzionale" una legge dello stato di New York che da oltre cento anni limita l'utilizzo delle armi. La decisione arriva dopo che il presidente Usa aveva chiesto di limitare l'uso di armi al Congresso. In particolare si tratta del diritto di portare un'arma non a vista fuori dalla propria abitazione. Con questa bocciatura, tutto cambia. Cioè gli americani potranno portare fuori casa le armi. "Sono profondamente deluso dalla sentenza della Corte Suprema", commenta il leader americano Joe Biden. "Questa sentenza contraddice sia il senso comune che la Costituzione e dovrebbe preoccupare molto tutti noi".

Usa, sulle armi la Corte Suprema beffa Biden: ora si possono portare fuori casa

"Dal momento che lo stato di New York concede autorizzazioni a portare le armi in pubblico solo a chi dimostra di aver una speciale esigenza di autodifesa, concludiamo che questo regime viola la Costituzione", si legge nella sentenza della Corte Suprema Usa redatta da da Clarence Thomas. Il presidente americano Biden si dice "deluso" da questa decisione.

Joe Biden ricorda che la legge "sin dal 1911 richiede a chi vuole un'arma non in vista in pubblico di dimostrare la necessità di farlo per autodifesa. Ma ora oltre un secolo dopo, la Corte Suprema ha scelto di bocciare l'autorità da tempo stabilità di New York per proteggere i propri cittadini". Secondo il presidente Usa, "dopo gli orribili attacchi di Buffalo e Uvalde dobbiamo come società fare di più e non di meno per proteggere i nostri concittadini".

E ancora Biden afferma: "Io esorto gli Stati a continuare ad applicare leggi di senso comune per rendere i cittadini e le comunità più sicure", ha detto ancora il presidente ricordando che per "secoli gli stati hanno deciso chi poteva acquistare e possedere armi, quali tipi di armi e dove potevano portarle. Chiedo agli americani di tutto il Paese di far sentire le loro voci sulla sicurezza delle armi, sono in gioco vite umane", conclude alla fine mentre afferma che non smetterà di fare "tutto quello che è in mio potere per ridurre la violenza delle armi".

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x