Sabato, 02 Luglio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Chiude McDonald's in Russia: una splendida notizia

Il primo passo verso la creazione di un mondo diverso, sottratto al colonialismo unilaterale di matrice atlantista

Di Diego Fusaro

19 Maggio 2022

Circola in questi giorni incontenibile la notizia ufficiale secondo cui McDonald's avrebbe abbandonato la Russia di Putin: taluni si spingono a sostenere che si tratta della fine della globalizzazione. I più naturalmente presentano questa perdita come un danno clamoroso per la popolazione russa, da ora in poi privata della gioia e del privilegio della nota paninoteca globalista portatrice del gastronomicamente corretto planetario. Procedendo anche in questo caso ostinatamente controvento, possiamo ben dire che si tratta di una notizia da accorgersi con sommo giubilo (nunc est bibendum... non coca cola!): la fine della globalizzazione, se fosse reale, sarebbe da accogliersi con grande gioia, dacché sarebbe il primo passo verso la creazione di un mondo diverso, sottratto al colonialismo unilaterale di matrice atlantista e finalmente aperto a un multiverso di pluralità anche identitarie sottratte alla presa del monopolarismo statunitense. Non ci stupisce invero che i menestrelli del pensiero unico politicamente e gastronomicamente corretto piangano a dirotto per questa notizia, terrorizzati dall'idea che la globalizzazione sia reversibile: la fine della storia e l'irreversibilità della globalizzazione appaiono sempre di più, ogni giorno che passa, due miti privi di tenuta, due ideologie neoliberali che contrabbandavano per descrizioni quelle che in realtà erano prescrizioni e desideri della plutocrazia neoliberale senza frontiere.

di Diego Fusaro

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x