Martedì, 04 Ottobre 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Georgia e Moldavia provano ad approfittare della guerra in Ucraina: ricevuto questionario di adesione dall'Ue

I due ministri degli esteri dei paesi amici di Zelensky voglio approfittare del fronte aperto dall'Ue con la consegna del questionario a Zelensky per provare a entrare nell'Unione Europea

12 Aprile 2022

Georgia e Moldavia hanno ricevuto dall'UE l'invito a far parte dell'Unione Europea. La guerra in Ucraina ha scombinato le carte in ambito geopolitico e così anche i paesi vicini di casa di Zelensky adesso sono preoccupati. Tre giorni fa la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha consegnato a Volodymyr Zelensky il questionario per l’adesione all’Unione europea, durante la sua visita a Kiev. Adesso è scattata la stessa procedura anche per altri due Paesi considerati da diversi analisti come possibili obiettivi futuri di Vladimir Putin, nel quadro di un allargamento delle sfere di influenza della Russia.

Georgia e Moldavia ricevono questionario di adesione all'Ue

Il ministro degli esteri moldavo e quello georgiano hanno ricevuto lunedì 11 aprile il questionario per l’adesione all’Ue. Nico Popescu e Ilia Darchiashvili hanno ottenuto l'invito a margine del Consiglio affari esteri in Lussemburgo tramite il commissario europeo dell’Allargamento, Olivér Várhelyi. Quest'ultimo ha commentato su Twitter: "Questo è il primo passo del vostro cammino europeo". Il modulo è un passaggio necessario verso la concessione dello status di candidato all’Unione Europea. "Siamo pronti ad andare molto veloci", ha aggiunto, "quindi prima lo compilerete più velocemente saremo in grado di fornire il parere" della Commissione al Consiglio europeo.

Dopo l'Ucraina, adesso tocca a Georgia e Moldavia

Venerdì scorso era stato appunto il turno dell’Ucraina, con Zelensky che aveva ricevuto il modulo direttamente da von der Leyen."Qui comincia il cammino dell’Ucraina verso l’Ue", aveva commentato trionfante la tedesca in visita a Kiev. "L’Ucraina appartiene alla famiglia europea. Abbiamo ascoltato la vostra richiesta, forte e chiara. E oggi siamo qui per darvi la prima risposta positiva. In questa busta, caro Volodymyr, c’è un passo importante verso l’ingresso nell’Ue. Questo questionario è la base per la nostra discussione nei prossimi mesi. Qui comincia il nostro cammino verso l’Unione Europea. Saremo a vostra disposizione 24 ore al giorno, 7 giorni a settimana per lavorare su questa base comune". Georgia e la Moldova, due Stati militarmente deboli hanno seguito la scia, a causa anche di regioni separatiste russofone che aspirano alla riunificazione con Mosca. 
 

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x