Sabato, 02 Luglio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Desmond Tutu, causa morte e malattia dell'arcivescovo che sconfisse l'apartheid

Desmond Tutu è deceduto all’età di 90 anni: causa morte, malattia e tumore dell'arcivescovo

26 Dicembre 2021

Desmond Tutu, causa morte e malattia dell'arcivescovo che sconfisse l'apartheid

Fonte: Facebook pagina Desmond Tutu

Desmond Tutu, l'arcivescovo che sconfisse l'apartheid in Sudafrica, è deceduto all'età di 90 anni: causa morte, malattia e tumore. Tutu è stato il volto  nella lotta contro le discriminazioni, e con lui si è chiuso il capitolo più importante della storia del Sudafrica. "Il presidente Cyril Ramaphosa esprime, a nome di tutti i sudafricani, la sua profonda tristezza per la morte dell’Arcivescovo emerito Desmond Mpilo Tutu", si legge in una nota della presidenza della Repubblica sudafricana. "La sua scomparsa è un altro capitolo del lutto della nostra nazione: diamo l’addio a una generazione di formidabili concittadini che hanno contribuito a lasciarci in eredità un Sudafrica libero".

Desmond Tutu: causa morte, malattia e tumore

La causa della morte di Desmond Tutu va unicamente ricercata nella sua età avanzata. A quanto risulta, infatti, non aveva alcun tumore o malattia grave, a parte qualche semplice acciacco dovuto alla sua età avanzata. Con la scomparsa dell'arcivescovo non c'etra nemmeno il Covid, la variante Omicron o tantomeno il vaccino contro il Covid. Di questi tempi, e per non gettare altre ombre ingiustificate sul Sudafrica (isolato dal mondo dopo che, a differenza della Cina, aveva denunciato subito la comparsa della nuova variante Covid).

Tutu proveniva da una famiglia povera, ma non indigente, dell’etnia Xhosa, la stessa di Nelson Mandela. Aveva studiato in Inghilterra e aveva capito che la segregazione razziale non si poteva abbattere con la violenza. Al contrario, il terrorismo poteva giustificava la repressione. Tuttavia, ovviamente, comprendeva bene la rabbia di chi veniva oppresso. "Se siete neutrali in situazioni di ingiustizia, avete scelto la parte dell’oppressore. Se un elefante ha la zampa sulla coda di un topo e voi dite che siete neutrali, il topo non apprezzerà la vostra neutralità".

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x