Lunedì, 18 Ottobre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Nobel per la Pace, va a Maria Ressa e Dmitry Muratov: Greta Thunberg beffata ancora

Il Nobel per la pace va ai due giornalisti e attivisti che sono stati premiati per i loro sforzi per la tutela della libertà d’espressione

08 Ottobre 2021

Nobel per la Pace, va Maria Ressa e Dmitry Muratov: Greta Thunberg beffata ancora

Fonte: lapresse.it

Il Comitato norvegese per il Nobel ha assegnato il Premio per la Pace 2021 a Maria Ressa e Dmitry Muratov. Il premio è andato a loro, spiega il comitato decisionale, per i loro sforzi per salvaguardare la libertà di espressione, che è precondizione per la democrazia e per una pace duratura. 

Nobel per la Pace, va Maria Ressa e Dmitry Muratov

L'annunciato è stato dato da Berit Reiss-Andersen, presidente del Comitato norvegese per il Nobel. Il premio Nobel per la pace (Nobel Peace Prize) è stato istituito dal testamento di Alfred Nobel del 1895 ed è stato assegnato per la prima volta nel 1901, come gli altri premi istituiti da Nobel stesso. Da allora sono 17 le donne che hanno ricevuto il premio Nobel per la pace, mentre sono 25 le organizzazioni insignite. 

A differenza degli altri premi Nobel, quello per la pace viene assegnato in Norvegia, e non in Svezia: la cerimonia di consegna del Nobel per la pace si tiene infatti a Oslo, questo perché all'epoca dell'istituzione dei premi Nobel la Norvegia era ancora unita alla Svezia. Il vincitore del premio viene scelto dal Comitato per il Nobel norvegese, composto da cinque persone scelte dal Parlamento norvegese. L'annuncio della decisione viene effettuato a metà ottobre e la consegna del premio avviene presso il municipio di Oslo. È anche l'unico premio Nobel che può essere assegnato non solo a singole persone, ma anche a intere organizzazioni.

L'assegnazione del premio non si è svolta in 19 occasioni: durante la prima guerra mondiale (1914, 1915, 1916, 1918), nel primo dopoguerra (1923, 1924, 1928 e 1932), durante la seconda guerra mondiale (1939, 1940, 1941, 1942 e 1943) e negli anni della guerra fredda (1948, 1955, 1956) e della guerra del Vietnam (1966, 1967, 1972). Nel 1917 e nel 1944 venne assegnato alla Croce Rossa internazionale.

Inizialmente occidentale, l'origine dei candidati si estese gradualmente a tutto il mondo. Il Premio Nobel per la Pace ha oggi una straordinaria importanza politica, alcuni premi hanno valore di disconoscimento di governi autoritari come quello di Aung San Suu Kyi nel 1991 nei confronti della giunta birmana o quello di Liu Xiaobo in 2010 per quanto riguarda il governo cinese.

Certe nomine ebbero una particolare risonanza come quella di Theodore Roosevelt nel 1906 che fu fortemente contestata perché Roosevelt era "militarista". Degne di nota anche quella del giornalista antinazista tedesco Carl von Ossietzky nel 1935 e quella del 14º Dalai Lama nel 1989.

Nel complesso, il Premio Nobel viene assegnato soprattutto a personaggi storici dell'azione umanitaria, della lotta all'oppressione politica o della difesa dei diritti egualitari come Albert Schweitzer, Martin Luther King e Madre Teresa di Calcutta.

 

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x