Domenica, 24 Ottobre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Australia: picco di casi Covid a Melbourne. Ma è in lockdown da due mesi consecutivi

La giustificazione delle autorità? Tutta colpa degli "incontri illegali". Ma i conti non tornano: in sole 24 ore i casi sono aumentati del 50%

30 Settembre 2021

Australia: picco di casi Covid a Melbourne. Ma è in lockdown da due mesi consecutivi

Picco di casi Covid a Melbourne, in Australia. È quanto accade in una metropoli dove le restrizioni non sono mai mancate, anzi: le chiusure non sono mai state tanto severe. Da due mesi Melbourne è in lockdown, eppure i contagi crescono esponenzialmente come a dimostrare che "il troppo stroppia". La risposta delle autorità è un tentativo di tamponare l'indignazione pubblica rigirando il problema agli stessi cittadini. In poche parole: "Ve la siete cercata voi con gli incontri abusivi."

Contagi raddoppiati, per i sanitari è colpa delle partite guardate a casa

I casi di Covid19 Melbourne sono saliti a livelli record giovedì 30 settembre, nonostante il duro blocco alle attività per combattere la diffusione della variante Delta in corso da due mesi. Le autorità hanno stimato che quasi un terzo delle 1.438 nuove infezioni di giovedì potrebbero risalire alle feste in casa lo scorso fine settimana per guardare in televisione l'Australian Rules Football Grand Final.

"Molti di questi casi erano completamente evitabili...Non sto cercando di incolpare nessuno, sto semplicemente cercando di spiegare perché così tante persone sono rimaste contagiate nonostante le chiusure", spiega il presidente della provincia. I funzionari hanno ammesso che i numeri di giovedì, un salto del 50% rispetto ai 950 casi di mercoledì, sono una "grave battuta d'arresto" nella gestione del picco pandemico, mentre continuano a spingere per vaccinare i 5,5 milioni di popolazione adulta presenti.

Vaccini dai 16 anni in su, chiusure e meno sussidi: la ricetta perfetta che non sta funzionando

La metà della popolazione Australiana sopra i 16 anni ha ricevuto la prima dose di vaccino anti Covid. Le più grandi città australiane, Sydney e Melbourne, e la capitale Canberra sono bloccate da settimane per combattere una terza ondata di infezioni alimentata dalla variante Delta.

Giovedì sono stati segnalati un totale di 941 nuovi casi nel Nuovo Galles del Sud, la maggior parte nella capitale dello stato Sydney, mentre il Queensland ne ha registrati sei e l'Australian Capital Territory 31 infezioni.

I casi record nel Victoria arrivano quando il governo federale ha appena deciso di eliminare gradualmente il suo sostegno finanziario di emergenza per le imprese colpite dai blocchi. Il tesoriere federale Josh Frydenberg ha affermato che i pagamenti temporanei cesseranno una volta che l'80% della popolazione adulta negli stati e nei territori sarà completamente vaccinato. 

Il primo ministro Scott Morrison ha fatto pressioni su tutte le province australiane per affrontare la nuova fase di "convivenza" con il virus una volta che le vaccinazioni complete raggiungeranno il 70% -80%, ma il Queensland e l'Australia occidentale, in gran parte privi di casi Covid, hanno segnalato che potrebbero ritardare la loro riapertura.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x