Giovedì, 16 Settembre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Regina Elisabetta, funerali già pronti: spuntano i piani del governo per la sua morte

L'operazione "London Bridge" è pronta. Tutto già stabilito per la morte di Elisabetta II: dal black-out social, alla parola d'ordine, alla filastrocca, alla bara

04 Settembre 2021

Regina Elisabetta  festeggia il compleanno da sola: visite per non lasciarla sola

Regina Elisabetta (fonte foto LaPresse)

Tutto pronto per la morte della regina Elisabetta: l'operazione "London Bridge", ossia il piano che scatterà dopo il decesso della Monarca è già scritto. A rivelarne i dettagli è Politico.eu. Dal black-out social, alla parola d'ordine, alla filastrocca, alla bara sollevata in un certo modo, è già tutto stabilito. Perchè se parla ora? Elisabetta II sta male? Buckingham Palace precisa: "Nessun collegamento con le condizioni di salute della Regina".

Morte regina Elisabetta: "Operazione London Bridge" è già scritta

“London Bridge is down”. Sarà questa la frase con cui verrà annunciata la morte della regina Elisabetta al primo ministro britannico. La frase è presa da una filastrocca nota ai bambini inglesi.

Sono tante le regole da rispettare il giorno della morte della Monarca. Tutte già stabilite e scritte. L’annuncio della morte avverrà con un comunicato flash sulla Association Press. Sui canali ufficiali verrà annunciato il triste evento in modo lapidario. All'annuncio seguirà un black-out dei canali social ufficiali. Il sito gov.uk, su cui vengono solitamente riportate tutte le attività governative, pubblicherà solo step urgenti. Precisamente il sito di Buckingham Palace sarà sostituito da una pagina nera con una breve dichiarazione in cui si conferma la morte della sovrana. Il sito del governo e tutte le pagine social gov.uk avranno un banner nero. Non saranno pubblicati contenuti non urgenti. Non sarà inoltre permesso alcun retweet previo consenso del responsabile delle comunicazioni.

Il giorno della morte sarà chiamato “D-Day”. I giorni successivi fino al funerale avranno il nome di D+1, D+2, etc.

La bara della regina Elisabetta

Nel piano è previsto tutto nel minimo dettaglio. Non possono mancare ovviamente le regole per la bara. La bara della Regina sarà portata in processione da Buckingham Palace al Palazzo di Westminster. Lì sarà esposta al pubblico per 23 ore al giorno per tre giorni. I funerali di stato si terranno dieci giorni dopo la morte.

Già predisposta anche l'operazione "Spring Tide" che regolerà le modalità dell'ascesa al trono di Carlo. Prima dei funerali il figlio della Sovrana sarà impegnato in un tour del Paese. Il discorso alla nazione di Re Charles sarà trasmesso alle sei del pomeriggio, dopo una udienza con il Premier.

Il Primo ministro sarà avvertito da una telefonata in cui un funzionario pronuncerà la frase in codice "London Bridge is Down". Downing Street, emerge in uno dei documenti, si preoccupa della possibile ondata di rabbia del pubblico se non riuscirà a sistemare la bandiera a mezz'asta entro dieci minuti dall'attivazione del piano e viene anche proposto di affidare il compito a un appaltatore esterno.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x