Venerdì, 21 Gennaio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Olimpiadi Tokyo 2020 arcobaleno: sì del Cio ai colori Lgbtq

La proposta era partita dalla Germania. Lorenz: "L'amore vince sempre"

23 Luglio 2021

Olimpiadi Tokyo 2020 arcobaleno: sì del Cio ai colori Lgbtq

Il Comitato olimpico internazionale ha accolto la richiesta di poter esporre i colori arcobaleno avanzata dalla capitana della nazionale tedesca di hockey su prato. Olimpiadi nel segno dell'inclusività, quindi, per la comunità Lgbtq. La proposta era partita dal comitato olimpico tedesco, che dopo la fumata bianca del Cio ha festeggiato mostrando una foto dove la giocatrice 24enne espone i colori arcobaleno durante la prima partita contro il Regno Unito.

"L'amore vince sempre", ha esultato sui social Nike Lorenz, che aveva espresso l'intenzione di vestire la fascia simbolo del movimento Lgbtq alle Olimpiadi di Tokyo 2020. Prima di lei, si era esposto anche il capitano della nazionale di calcio a Euro 2020, Manuel Neuer,.

Olimpiadi Tokyo 2020 arcobaleno: sì del Cio ai colori Lgbtq

"Siamo felici di aver trovato un percorso comune che permetta alla squadra di hockey di fare una dichiarazione socio-politica", ha detto Alfons Hoermann, presidente della confederazione tedesca, in merito alla scelta del Cio di mostrare anche i colori arcobaleno durante le Olimpiadi. Sono 160 atleti dichiaratamente lesbiche, gay, bisessuali, transgender e queer quelli che parteciperanno a queste Olimpiadi di Tokyo 2020, rendendo i Giochi di quest'anno i più inclusivi di sempre. Questo ha però anche focalizzato l'attenzione sulla nazione ospitante il Giappone, che secondo gli attivisti non è al passo con gran parte del resto del mondo, non avendo visto lo stesso radicale cambiamento sociale che ha reso il matrimonio tra persone dello stesso sesso e una maggiore inclusione una realtà in molti paesi.

Fumino Sugiyama, 39 anni, ex schermidore della nazionale giapponese e attivista transgender, si è detto felice di vedere i progressi nella diversità ai Giochi. Gli sport erano molto diversi quando era più giovane, ha raccontato ai media, e il linguaggio discriminatorio era molto più presente di oggi. Sugiyama ha iniziato a tirare di scherma all'età di 10 anni, scalando le classifiche e alla fine gareggiando a livello internazionale per la squadra femminile giapponese. Si sentiva in conflitto identificandosi come donna nelle competizioni e si ritirò a 25 anni. "Amavo lo sport della scherma, ma non sentivo di poter trovare un posto per me stesso", ha detto. Sugiyama, che organizza anche la marcia annuale del gay pride a Tokyo, è diventata la prima persona transgender ad essere nominata nel Comitato Olimpico giapponese. "Essere esclusi dal mondo dello sport equivale ad essere esclusi dalla società, quindi penso che sia importante cogliere questa opportunità per condurre con fermezza ad avere discussioni positive", ha affermato.

Olimpiadi Tokyo 2020 arcobaleno: l'attenzione sui diritti Lgbtq in Giappone

Mentre il Giappone è noto per la sua forte società civile e democrazia, gli attivisti per i diritti affermano che ha ancora molta strada da fare per affrontare le questioni relative a lesbiche, gay, bisessuali, transgender e queer (Lgbtq). La carta olimpica vieta la discriminazione e mentre Tokyo ha approvato una legge antidiscriminazione tre anni fa, non ci sono le stesse tutele legali per gran parte del resto del paese.

Gli attivisti per i diritti umani sperano di utilizzare i Giochi come un'opportunità per aumentare la consapevolezza e il sostegno pubblico per le questioni Lgbtq. "Penso che molte persone nel mondo pensino che il Giappone sia il difensore dei diritti umani, ma è l'opposto, perché non abbiamo alcuna uguaglianza matrimoniale, non abbiamo alcuna legge per vietare la discriminazione sull'orientamento sessuale o sull'identità di genere", ha affermato Gon Matsunaka, fondatore del primo centro Lgbtq del Giappone, Pride House.

 

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x