Sabato, 24 Luglio 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Tokyo 2020 Covid, 50 casi, Bach: "Giapponesi abbiamo bisogno del vostro sostegno"

I positivi legati ai Giochi Olimpici sono in aumento ma il presidente del Comitato Olimpico chiede di mantenere la calma

18 Luglio 2021

Tokyo 2020 Covid, 50 casi, Bach: "Giapponesi abbiamo bisogno del vostro sostegno"

Le Olimpiadi di Tokyo 2020 non sono ancora iniziate che già la popolazione chiede di frenare tutto per ostacolare la diffusione di nuovi contagi da Covid. È salito a 50 il numero dei nuovi casi legati alla manifestazione internazionale, ma ora interviene Thomas Bach che chiede: "Giapponesi abbiamo bisogno del vostro sostegno".

Il capo del Comitato Olimpico ha esortato il popolo giapponese a sostenere le Olimpiadi di Tokyo suscitando nuovi nervosismi sui rischi per la salute posti dal gigantesco evento. Bach, da quando è arrivato in Giappone, sta affrontando il difficile compito di invitare tutti alla calma e ad avere fiducia nell'organizzazione. Il presidente del CIO ha fatto appello al pubblico affinché sostenga gli atleti nonostante i timori di un picco di casi con l'arrivo di migliaia di visitatori internazionali: "Abbiamo le misure per contenerle, ma dovete collaborare".

Bach chiede fiducia: "L'evento sportivo più restrittivo e monitorato al mondo"

Il presidente del Comitato olimpico internazionale si è detto "molto consapevole dello scetticismo" che circonda i Giochi, che da mesi attirano le rimostranze di un inaspettatamente critico popolo giapponese. "Faccio appello al popolo giapponese affinché accolga questi atleti qui per la competizione", ha detto Bach, insistendo che le Olimpiadi di Tokyo erano sicure, definendole "l'evento sportivo più restrittivo...del mondo intero".

"Vorrei ancora una volta chiedere e invitare il popolo giapponese, umilmente, ad accogliere e sostenere gli atleti di tutto il mondo", ha aggiunto. L'appello di Bach arriva pochi giorni prima della cerimonia di apertura dei Giochi, che si svolgeranno in condizioni di "bolla" di biosicurezza e in gran parte senza tifosi.

Thomas Bach ha affermato che solo 15 persone sono risultate positive su 15.000 arrivi a luglio, citandolo come prova che le rigorose misure anti-coronavirus, compresi i test giornalieri per gli atleti, stanno funzionando. Altre persone sarebbero legate invece ai contagi locali, arrivando al totali di circa 50 casi su migliaia di persone coinvolte nell'evento internazionale.

Tokyo 2020 Covid, Bach: "Le misure stanno funzionando"

Ha anche tenuto aperta la porta a un possibile ritorno degli spettatori se le condizioni migliorano, citando un comunicato diffuso dopo i colloqui tra il CIO, il Comitato paralimpico internazionale, Tokyo 2020, il governo giapponese e l'autorità di Tokyo. "Continueremo a monitorare gli sviluppi anti-Covid. E se le circostanze dovessero cambiare, avremo altre cinque parti che si riuniranno immediatamente per affrontarlo con le pertinenti misure anti Covid19", ha affermato Bach.

I manifestanti anti-Olimpiadi hanno esposto cartelli durante la visita di Bach a Hiroshima venerdì e circa 30 manifestanti sono stati bloccati dalla polizia fuori dalla riunione del consiglio esecutivo del CIO di sabato in un hotel di lusso a Tokyo. Un ricevimento di benvenuto per Bach domenica vedrà la partecipazione del primo ministro giapponese Yoshihide Suga e di 40 ospiti, secondo i rapporti. Ma Bach ha detto "siamo solo ospiti" all'evento, che si svolgerà mentre Tokyo rimane in stato di emergenza. "Siamo gli ospiti del comitato organizzatore per questo invito e confidiamo che il comitato organizzatore seguirà tutti i regolamenti e le restrizioni", ha affermato.

In precedenza, il capo dei Giochi Seiko Hashimoto ha cercato di rassicurare gli atleti in arrivo in Giappone, ammettendo di essere "probabilmente molto preoccupati". Diversi concorrenti hanno espresso preoccupazione per le condizioni alle Olimpiadi, che sono contrassegnate da controlli onnipresenti della temperatura, disinfettante per le mani e test giornalieri.

Gli organizzatori hanno promesso piena trasparenza sui casi nel villaggio e hanno esortato le persone che partecipano ai Giochi a rispettare le regole anti-coronavirus. "Gli atleti che verranno in Giappone sono probabilmente molto preoccupati. Lo capisco", ha detto Hashimoto. "Questo è il motivo per cui dobbiamo fare piena divulgazione".

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x