Venerdì, 30 Luglio 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Covid nel mondo: Macron vuole il Green pass per i ristoranti, Johnson apre tutto

In Francia è corsa ai vaccini, mentre il 19 luglio il Regno Unito non avrà più restrizioni. Ecco le motivazioni

13 Luglio 2021

Covid nel mondo: Macron vuole il Green pass per i ristoranti, Johnson apre tutto

Il Covid sembra non volersi arrestare ma nel mondo vengono prese misure diverse. Crea scalpore la decisione del presidente Emmanuel Macron, che vuole il Green pass anche per entrare nei ristoranti, mentre allo stesso tempo il premier inglese Boris Johnson apre tutto e rimuove le restrizioni. Le due decisioni, così diverse tra loro nonostante un'incidenza dei casi simile, sembrano ancora una volta un tentativo di verificare quale strategia funziona di più: a rischio, però, ci sono gli spostamenti all'interno del continente in caso di ulteriori restrizioni in alcuni paesi, contro altri che invece puntano sulle riaperture.

Il caso della Francia fa emergere tutte le preoccupazioni degli esperti intorno alla variante Delta, più veloce nella diffusione e capace di contagiare i vaccinati, anche se con conseguenze meno gravi. Il Regno Unito viaggia invece in direzione opposta, preferendo le riaperture ma invitando alla sicurezza.

Covid nel mondo: in Francia è corsa ai vaccini

Sono oltre 900 mila i cittadini francesi che si sono affrettati a fissare appuntamenti per vaccinarsi dopo che il presidente ha avvertito lunedì 12 luglio che le persone verranno soggette a restrizioni se non otterranno il Green pass. Le misure auspicate da Macron per rallentare la diffusione del contagio, come dice lo stesso presidente "non obbligano i cittadini alla vaccinazione, rimane la libertà di scelta". Diversa la questione intorno al personale sanitario: il presidente francese ha infatti affermato che gli operatori sanitari dovranno essere vaccinati entro il 15 settembre o ne subiranno le conseguenze.

Stanislas Niox-Chateau, che dirige Doctolib, uno dei più grandi siti web online del paese utilizzato per prenotare appuntamenti per i vaccini, ha detto a Radio Montecarlo che dopo l'annuncio del presidente c'erano numeri record di richieste di vaccini. "Ci sono state 7,5 milioni di connessioni su Doctolib in pochi minuti. Più di 900.000 francesi hanno preso l'appuntamento per la vaccinazione ieri, che è il doppio dell'ultimo record che risale all'11 maggio", ha detto Niox-Chateau.

Emmanuel Macron ha dichiarato lunedì che il pass sanitario necessario per partecipare a eventi su larga scala sarà ora utilizzato molto più ampiamente, compreso l'accesso a ristoranti, cinema e teatri. Il green pass arà inoltre richiesto di salire a bordo di treni e aerei a lunga percorrenza dall'inizio di agosto, dando un ulteriore incentivo alle persone per ricevere almeno una dose prima dell'inizio delle vacanze estive.

Covid nel mondo: Londra punta sulle riaperture

Tutte le restrizioni anti Covid del Regno Unito saranno revocate tra una settimana, il 19 luglio. Nonostante un forte aumento dei casi di coronavirus, il Primo ministro britannico Boris Johnson ha detto che era "il momento giusto per procedere" poiché le scuole chiudono per le vacanze estive, ma ha esortato le persone a "procedere con cautela".

Johnson ha affermato anche che, sebbene permangano i rischi della pandemia, le restrizioni legali saranno "sostituite da raccomandazioni affinché le persone indossino maschere in luoghi affollati e sui trasporti pubblici. I locali notturni e altri luoghi affollati dovrebbero utilizzare passaporti vaccinali per l'ingresso "per una questione di responsabilità sociale". "Questa pandemia non è finita. Questa malattia, il coronavirus, continua a comportare rischi per te e la tua famiglia. Non possiamo semplicemente tornare immediatamente da lunedì 19 luglio alla vita com'era prima del Covid", ha puntualizzato Johnson.

Nei giorni scorsi, il segretario alla Salute Sajid Javid ha affermato che era il momento giusto per consentire ai britannici di tornare alla vita normale. "La decisione del governo bilancia i danni causati dal Covid19 e i danni causati dalle continue restrizioni", ha affermato. Javid ha detto al Parlamento inglese che il successo del lancio del vaccino in Gran Bretagna significa che nove adulti su 10 nel Regno Unito ora hanno anticorpi contro il virus. Per il sottosegretario "il Governo è sulla buona strada per raggiungere il suo obiettivo di offrire a tutti gli adulti una prima dose di vaccino entro il 19 luglio, giorno in cui tutte le restanti restrizioni di blocco, compreso l'uso obbligatorio della mascherina, dovranno essere revocate".

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x