Venerdì, 06 Agosto 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Haiti, presidente assassinato: arrestato presunto mandante

Svolta nelle indagini intorno al misterioso omicidio del capo di Stato haitiano: ecco chi sarebbe la mente dietro all'operazione che ha ucciso Moise

12 Luglio 2021

Presidente Haiti ucciso, presi due killer: "Mercenari che verranno uccisi o catturati"

Fonte: Facebook @Ministère du Tourisme d’Haïti

Un altro tassello nelle indagini del caso che ha smosso Haiti, dopo che il suo presidente è stato assassinato nella notte del 7 luglio. Ora è stato arrestato il presunto mandante, l'uomo che avrebbe pianificato l'operazione contro Jovenal Moise.

La polizia di Haiti afferma di aver arrestato un medico che ritengono sia un sospettato chiave nell'organizzazione dell'assassinio del presidente haitiano. Secondo quanto riportato dalle indagini, si tratta di Christian Emmanuel Sanon, un cittadino haitiano di 63 anni. L'uomo, che viveva fuori dal Paese, sarebbe atterrato sull'isola con un jet privato all'inizio di giugno spinto da "motivi politici".

Haiti, presidente morto: arrestato presunto mandante

Il presidente di Haiti aveva 53 anni quando è stato ucciso nella sua residenza il 7 luglio da 28 mercenari stranieri. O almeno questo è quanto per ora era stato divulgato dalla polizia locale. Sua moglie è stata ferita nell'attacco e poi è stata trasportata in aereo negli Stati Uniti per le cure. Martine Moise ha poi descritto con precisione alle autorità il momento in cui gli assassini hanno 'crivellato' suo marito con i proiettili dopo aver fatto irruzione nella loro casa nel cuore della notte. Secondo quanto riportato dalla first lady, l'attacco è avvenuto così rapidamente che suo marito Jovenel "non è stato in grado di dire una sola parola".

L'arresto di Christian Emmanuel Sanon è stato annunciato durante un briefing della polizia domenica scorsa nella capitale Port-au-Prince. "Questo è un individuo che è entrato ad Haiti su un aereo privato con obiettivi politici", ha detto il capo della polizia di Haiti Leon Charles. Secondo le prime ricostruzioni, il piano iniziale era stato quello di arrestare il presidente Moise, ma "la missione poi è cambiata". "Quando noi, la polizia, abbiamo bloccato l'avanzata di questi banditi dopo aver commesso il loro crimine, la prima persona che uno degli assalitori ha chiamato è stata Christian Emmanuel Sanon", ha detto il capo della polizia. E ha aggiunto: "Ha inoltre contattato altre due persone che consideriamo le menti dell'assassinio del presidente Jovenal Moise". Ancora sconosciuti i due nominativi a cui ha fatto riferimento Charles.

Una delegazione di alti funzionari della sicurezza e della giustizia statunitensi è arrivata domenica ad Haiti per valutare lo stato della sicurezza nel Paese. Il team incontrerà anche tre politici haitiani. ognuno dei quali oggi pretende di essere il legittimo leader del paese. Dopo l'attacco, le autorità di Haiti hanno chiesto agli Stati Uniti e all'Onu di inviare truppe nel Paese per proteggere le infrastrutture chiave, segnale che le autorità si aspettano un'escalation della violenza generata dal vuoto di potere post-Moise.

Haiti, presidente morto: il ruolo degli Usa

L'amministrazione del presidente statunitense Joe Biden ha inizialmente respinto la richiesta, ma ora ha deciso di dare un'occhiata più da vicino alla situazione. Moise è stato presidente di Haiti, la nazione più povera delle Americhe, dal 2017. Il suo periodo in carica è stato difficile poiché ha dovuto affrontare accuse di corruzione e all'inizio di quest'anno ci sono state manifestazioni diffuse nella capitale e in altre città contro la sua dirigenza. Le elezioni parlamentari avrebbero dovuto tenersi nell'ottobre 2019, ma diverse controversie le hanno ritardate. In pratica, il presidente Moise si era pronunciato per decreto, preparandosi a una leadership ad interim. L'uomo aveva programmato inoltre di tenere un referendum sulle modifiche costituzionali a settembre.


Nel febbraio di quest'anno, il giorno in cui l'opposizione voleva che lasciasse l'incarico, Moise ha affermato che un tentativo di ucciderlo e rovesciare il governo era stato sventato. Non è ancora chiaro chi abbia organizzato l'attacco della scorsa settimana e con quale movente. Una serie di domande rimangono senza risposta, per esempio come i presunti assassini siano riusciti a entrare nella proprietà. Le guardie del corpo di Moise saranno interrogate entro la fine della settimana.
Una figura di spicco dell'opposizione ha espresso apertamente scetticismo sulla versione attuale dei fatti. L'ex senatore haitiano Steven Benoit ha detto alla stazione radio locale 'Magik9' lo scorso venerdì 9 luglio che "non sono stati i colombiani a ucciderlo", ma non ha fornito prove a sostegno delle sue affermazioni. La polizia haitiana ha infatti affermato che la maggior parte dei mercenari era colombiana, mentre due erano cittadini statunitensi.

Haiti, presidente assassinato: adesso chi comanda ad Haiti?

La costituzione dice che l'Assemblea nazionale dovrebbe scegliere un altro presidente. Ma le controversie hanno fatto saltare le elezioni previste per ottobre 2019, che non si sono più svolte. Moise aveva quindi continuato a ricoprire la posizione di presidente per decreto, scelta che ha provocato manifestazioni in tutto il paese. Gli emendamenti alla Costituzione, ma non accettati da tutti,  suggeriscono che il Primo ministro dovrebbe subentrare.


Il problema di Haiti è di avere sia un primo ministro ad interim, Claude Joseph, sia un nuovo nominato, Ariel Henry, che deve ancora prestare giuramento. Entrambi, in questa situazione confusionaria, affermano di essere al comando. Venerdì 9 luglio un gruppo di partiti politici ha firmato una risoluzione che proclama nuovo presidente Joseph Lambert, capo del Senato, con Henry in qualità di primo ministro. La situazione non aiuta quindi a risolvere l'instabilità politica ed economica che da tempo affligge la nazione, e rischia di far precipitare il paese nel caos.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x