Lunedì, 14 Giugno 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Migranti, la mossa della Danimarca per bloccare ogni arrivo: cosa cambia per l'Italia

Il Governo danese vuole spostare i centri per le domande di asilo in un paese terzo, dove i migranti si fermerebbero anche con lo status di rifugiati

03 Giugno 2021

Migranti, la mossa della Danimarca per bloccare ogni arrivo: cosa cambia per l'Italia

Fonte: Facebook pagina Mediterranea saving humans

La Danimarca vuole bloccare l'arrivo di nuovi migranti, per questo il parlamento discuterà oggi, giovedì 3 giugno, una proposta di legge sull’immigrazione. Il Governo ha l'obbiettivo di bloccare del tutto l’arrivo di nuovi migranti ed è pronto ad approvare una proposta che prevede che le domande di asilo o di altre forme di protezione internazionale vengano esaminate in centri che si trovano fuori dal territorio danese, in un "paese terzo".

Migranti, la mossa della Danimarca per bloccare ogni arrivo

Tale "paese terzo" non è stato ancora pubblicamente identificato. Questo comunque si farà carico di accogliere i richiedenti asilo anche una volta che la loro domanda sarà stata accettata, e di espellere i migranti che avranno ricevuto un rifiuto. In sintesi, come ha fatto sapere Il Post, se la proposta di legge verrà approvata, i migranti che faranno richiesta di asilo in Danimarca non potranno comunque entrare in territorio danese anche dopo avere ottenuto lo status di rifugiati: dovranno rimanere nel "paese terzo".

La Danimarca, in questo modo, potrebbe diventare il primo paese in Europa a prevedere l’esame delle richieste di asilo al di fuori dei suoi confini e a bloccare completamente l’arrivo di migranti nel suo territorio. La proposta di legge è stata presentata dal governo socialdemocratico della prima ministra Mette Frederiksen (di centrosinistra). A suo sostegno c'è però anche l'opposizione di centrodestra.

Ovviamente non sono mancate e non stanno mancando le critiche da diverse organizzazioni internazionali che si occupano di migrazioni e dall’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati. Tuttavia, possono fare poco e la proposta dovrebbe passare con un'ampia maggioranza. Il governo danese deve fare sapere ancora quale sarà il "paese terzo" che si farà carico al posto della Danimarca delle richieste di asilo e della successiva accoglienza dei rifugiati. In Italia c'è intanto agitazione, anche se la nostra penisola non è certo nella lista dei possibili "paesi terzi". La Danimarca, infatti, potrebbe essere solo il primo Paese europeo a puntare sugli "ingressi zero", creando molta più pressione per chi non opterà per chiudere completamente le porte, come appunto l'Italia.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti