Giovedì, 26 Maggio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Fs Italiane, nel 2021 ricavi a 12,2 mld (+12,2%) EBITDA a 1,9 mld (+15,6%)

Luigi Ferraris, Amministratore Delegato del Gruppo FS: "Ruolo rilevante nel perseguimento degli obiettivi del PNRR, dotando il Paese di infrastrutture, mobilità e sistemi logistici efficienti e integrati, oltre a rendere più sostenibili le città italiane"

30 Marzo 2022

Luigi Ferraris

Fonte: lapresse.it

Il Gruppo FS nel 2021 ha registrato un risultato netto d'esercizio positivo, pari a 193 milioni di Euro, dopo i forti effetti sui risultati 2020 (-562 milioni di Euro) dovuti alla pandemia di COVID-19. La pandemia ha continuato a interessare anche nel 2021, seppur in misura minore, l'intero sistema produttivo, con conseguenze in particolare sulla mobilità delle persone e delle merci.

Luigi Ferraris, Amministratore Delegato del Gruppo FS, ha dichiarato: “I risultati positivi raggiunti nel 2021 dal Gruppo costituiscono una solida base per il rilancio di tutte le operazioni di FS, seppur in un contesto ancora segnato dalla coda della pandemia e dalla tragica guerra in Ucraina. In questo quadro, il Gruppo FS svolgerà un ruolo rilevante nel perseguimento degli obiettivi del PNRR (Piano Nazionale di Resilienza e Ripresa), dotando il Paese di infrastrutture, mobilità e sistemi logistici efficienti e integrati, oltre a rendere più sostenibili le città italiane. un ruolo di primo piano nel processo di transizione energetica in corso, come importante autoproduttore nazionale da fonti rinnovabili.Questa è una sfida che tutte noi donne e uomini del Gruppo FS affronteremo con impegno e determinazione, consapevoli della centralità del nostro attività a beneficio del Paese”.


I ricavi operativi del Gruppo  sono  aumentati a  12,2 miliardi di euro rispetto all'esercizio 2020, con un incremento complessivo di 1,3 miliardi di euro (+12,2%), essenzialmente per la parziale ripresa del traffico ferroviario e stradale dopo le chiusure dello scorso anno; all'incremento dei ricavi si è accompagnata una crescita del  Margine Operativo Lordo (EBITDA)  di 255 milioni di Euro a 1,9 miliardi di Euro rispetto a 1,6 miliardi di Euro dell'anno precedente (+15,6%);L' EBIT si  attesta ad un valore positivo di  193 milioni di Euro  (con l'EBIT Margin che passa di conseguenza da -2,6% a +1,6%).


In particolare, i  ricavi da servizi di trasporto, sono aumentati di  5,8 miliardi di euro  di 730 milioni di euro rispetto al 2020, sia in ambito nazionale che internazionale. In particolare, tutte le imprese di trasporto mostrano un andamento positivo, dovuto principalmente alla rinnovata mobilità di persone e merci, seppur limitata e disomogenea nel tempo e nello spazio. In crescita i ricavi dei servizi ferroviari passeggeri di Lungo Raggio e Corto Raggio (per un totale di circa 695 milioni di euro), i ricavi del trasporto passeggeri su strada e marittimo (+2 milioni di euro) e il trasporto merci su rotaia (+33 milioni di euro).


L'aumento complessivo dei ricavi da trasporto, in particolare se confrontato con l'andamento del periodo precedente, è diretta conseguenza del progressivo allentamento delle restrizioni operato dal Governo italiano, in linea con le decisioni degli altri Paesi europei, per contenere l'emergenza COVID -19 pandemia. In termini di domanda del mercato a lunga distanza, Trenitalia registra un recupero dei volumi del 20,7% e un aumento del 5% dei posti-chilometro vendibili, considerando il continuo utilizzo del criterio dei posti a “scacchi”. I treni regionali registrano un aumento del 25,8% di passeggeri-chilometro, con un aumento della produzione in termini di treno-chilometro del 15,0% rispetto al 2020. 


Inoltre, per gli effetti economici legati al COVID-19, i ricavi operativi del 2021 includono anche i compensi previsti a livello nazionale e internazionale dalle diverse leggi e decreti per  958 milioni di euro . Tale importo è inferiore (-9,1%) a quello registrato nel 2020 (1.054 milioni di euro), che ha conseguentemente mitigato gli effetti negativi sul Gruppo dovuti alla pandemia.


I costi operativi  dell'anno sono stati pari a  10,3 miliardi di euro, in aumento di 1,1 miliardi di euro (+11,5%) rispetto all'anno precedente. Sono aumentati sia i costi del personale (+332 milioni di euro) sia gli altri costi operativi (+730 milioni di euro), per effetto della ripresa delle attività aziendali e, in parte, per l'inflazione che, a partire dalla seconda metà del 2021, si traducono in un aumento dei prezzi delle materie prime, in particolare dell'elettricità.


In termini di  investimenti, il Gruppo FS Italiane ha proseguito nel 2021 nel suo ruolo centrale di supporto al sistema industriale nazionale, nonostante le forti e oggettive complessità causate dall'emergenza COVID-19. Il Gruppo ha raggiunto nel 2021 la  spesa per investimenti tecnici più alta di sempre (12,5 miliardi di Euro). Ciò ha dato un contributo significativo, con una crescita del 40% rispetto al 2020, al rafforzamento del Paese (98% di investimenti in Italia e oltre 10 miliardi di euro in infrastrutture ferroviarie e stradali), in particolare finalizzato allo sviluppo e al rinnovamento dei trasporti, settore delle infrastrutture e della logistica. Il Gruppo ha inoltre assicurato il pieno supporto finanziario al settore delle costruzioni e degli appalti, attraverso il rilascio di anticipi a fornitori per circa 2,6 miliardi di euro (contro 1 miliardo di euro nel 2020).


Significativo il ruolo decisivo del Gruppo FS nel  Programma Next Generation EU (NGEU) , lanciato a fine maggio 2020. Circa  25,2 miliardi di Euro  dei fondi del PNRR e del Fondo Complementare sono stati assegnati alle società controllate del Gruppo, in particolare a Rete Ferroviaria Italiana (RFI), dei 235 miliardi di Euro (tra cui React EU, PNRR e Fondo Complementare) stanziati per l'Italia. RFI gioca un ruolo cruciale nel successo del Piano, soprattutto per quanto riguarda la Missione 3 (interventi sulle Infrastrutture Ferroviarie Nazionali, interventi sulle Ferrovie Regionali, per il monitoraggio e la sorveglianza digitale delle infrastrutture, e per i Collegamenti Ferroviari), con 23,86 miliardi Euro, ovvero l'11% dell'intero PNRR per l'Italia, già stanziato.


Il Gruppo FS Italiane conserva inoltre un elevato grado di solidità patrimoniale e finanziaria, con un patrimonio netto pari a circa  41,6 miliardi di euro a fine 2021 . La  Posizione Finanziaria  Netta (PFN), pari a circa  8,9 miliardi di Euro , si mantiene in linea con quella al 31 dicembre 2020, con un rapporto PFN/equity di circa 0,2. I rating esterni continuano a dare pieno riconoscimento all'affidabilità patrimoniale e finanziaria del Gruppo (con Standard & Poor's che conferma il rating “BBB” a fine novembre 2021 e innalza l'outlook di FS da “negativo” a “positivo”, e con l'upgrade di Fitch it da “BBB-” a “BBB” lo scorso dicembre con outlook “stabile”).


Circa l'85% del valore economico che il Gruppo ha generato attraverso le proprie attività (ricavi delle vendite e delle prestazioni e proventi finanziari) è stato distribuito ai propri stakeholder. Si tratta di una quota di 10,4 miliardi di euro comprensiva di costi operativi, salari e benefici dei dipendenti, pagamenti ai finanziatori e alla Pubblica Amministrazione. L'impatto economico che il Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane ha generato attraverso le proprie attività e investimenti è pari all'1,6% del Valore Aggiunto nazionale, mentre l'occupazione è pari a oltre 290mila unità, tra lavoro sia diretto che indiretto e secondario.

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x