Domenica, 25 Luglio 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Lavoro: bonus assegno di ricollocazione, fino a 5 mila euro per trovare lavoro

La misura dovrebbe aiutare i disoccupati nella ricerca di un nuovo lavoro, e l'importo passa poi all'azienda con l'assunzione

20 Luglio 2021

Lavoro: bonus assegno di ricollocazione, fino a 5 mila euro per trovare lavoro

Buone notizie per il mondo del lavoro. Dopo la batosta della fine del blocco licenziamenti, arriva una nuova misura: l'assegno di ricollocazione (Adr). Il bonus arriverà a un massimo di 5 mila euro, destinato agli inoccupati in cerca di una nuova professione. L’assegno di ricollocazione è una misura promossa dall'Agenzia Nazionale Politiche Attive del lavoro (Anpal) e gestita tramite la rete pubblico-privata dei servizi per il lavoro, in accordo con Regioni e Province autonome.

Lavoro, bonus assegno di ricollocazione: come ottenerlo

L’Assegno di ricollocazione consiste in un importo da utilizzare presso i soggetti che forniscono servizi di assistenza personalizzata per la ricerca di occupazione. Tra questi rientrano, per esempio, i centri per l’impiego o gli enti accreditati ai servizi per il lavoro. L'Adr può essere speso presso queste strutture e devono, come primo passo, comunicare l'identità dell'ente presso il quale si rivolgeranno all'Anpal.

Per trovare gli enti accreditati basterà cercare l'albo sul sito dell'agenzia, e si hanno a disposizione 180 giorni per usufruire del bonus. Il beneficiario avrà a disposizione un tutor presso l'ente, che avrà il compito di aiutarlo  nelle attività utili alla sua ricollocazione e ne promuove il profilo professionale presso i potenziali datori di lavoro.

Lavoro, bonus assegno di ricollocazione: benefici anche per le aziende

Ottime notizie anche per le imprese, dato che l'Adr è stato pensato per sgravare gli imprenditori di alcuni costi sulle assunzioni. L'ente aiuta la persona durante la preselezione e le prime fasi d’inserimento in azienda. Se la persona viene assunta, l'importo dell'Adr viene quindi riconosciuto all’ente. L'agenzia che aiuta il disoccupato beneficiario dello Adr riceve in cambio un aiuto calcolato sulla base del contratto che il lavoratore conclude con l'azienda. 

Per un contratto a tempo indeterminato comprensivo di apprendistato la somma che l’ente percepisce può variare dai 1.000 ai 5.000 euro. Per un contratto a termine di minimo 6 mesi l’aiuto va invece dai 500 ai 2.500 euro. Per alcune regioni, ovvero Basilicata, Campania, Puglia, Calabria e Sicilia, sono previsti dai 250 euro ai 1.250 euro anche per un contratto a termine da 3 a 6 mesi .

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x