Lunedì, 18 Ottobre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

La grande paura dell'uomo moderno è solo una: essere se stesso. Si vive all'eterno inseguimento dei modelli propagandati dai media

No, questo mondo non cambierà in meglio, non assisteremo a un nuovo Rinascimento. Rassegnati

Di Alfredo Tocchi

01 Ottobre 2021

 Si ha paura di essere se stessi Oggi si desidera essere come gli altri, uguali ai modelli propagandati dai media, dalla pubblicità, dagli influencer.

Fonte: Pixabay

C’è stato un tempo, in verità molto lontano, in cui essere uomini aveva un profondo significato. Qualità considerate – a torto o a ragione – maschili, come il coraggio, erano importanti. In quel tempo, l’umanità era ancora capace di distinguere l’eroismo e di ammirare gli eroi, persone straordinarie, capaci di compiere generosi atti di coraggio. Coraggio, cor habeo, virtù oggi banalizzata, svuotata di significato.

Anni di nichilismo, di svilimento della vita umana, di abbruttimento consumistico e di ateismo ci hanno fatto perdere di vista la sacralità della vita, la straordinaria unicità della vita di ciascun essere vivente, il miracolo che fa sì che ogni istante – ogni singolo istante – sia diverso da tutti gli altri. Oggi si desidera essere come gli altri, uguali ai modelli propagandati dai media, dalla pubblicità, dagli influencer.

"È una malattia. La gente ha smesso di pensare, di provare emozioni, di interessarsi alle cose; nessuno che si appassioni o creda in qualcosa che non sia la sua piccola, dannata, comoda mediocrità” (Richard Yates).
Si ha paura di essere se stessi. Forse, è anche per questo che è difficile incontrare un vero artista: “Il vero artista è uno che crede profondamente in sé stesso, perché è profondamente sé stesso” (Oscar Wilde).

Eppure, ciò che rende ciascuna vita così preziosa è proprio la sua unicità. Ciascuna vita – finché è vita - è ora e mai più, esattamente come ciascun istante è diverso dall’altro: così è sempre stato e così sempre sarà. L’eroe non è il suicida che odia la vita e si fa esplodere per guadagnarsi il paradiso. L’eroe ama la vita e se rischia la propria è per aiutare il prossimo. Spesso, la sua dote principale non è il coraggio, ma la compassione. Per il cristiano, la carità, la virtù teologale che è amore di Dio e amore del prossimo in quanto creatura di Dio: “Ama dunque il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore (…) Ama il tuo prossimo come te stesso. Non c’è nessun altro comandamento maggiore di questi” (Marco 12,28-31). Un uomo saggio ha usato queste parole: “Je crois que la vie est belle car elle se termine” (Jean d’Ormesson).

Sembra una contraddizione: tutti noi siamo in grado di distinguere l’istante meraviglioso e pensiamo che sia triste che debba essere finito. Eppure, quell’istante è meraviglioso proprio perché diverso da un istante orribile: senza l’uno, non ci sarebbe l’altro. Il grande miracolo è la diversità, la sacralità è data dall’unicità irripetibile. Perpetuum mobile, panta rei, ogni fine è un inizio… Forse, per chi come me non ha fede e non può credere a un significato trascendente, la vita non andrebbe considerata come un viaggio individuale, ma come un viaggio collettivo della vita stessa – sopra una sfera in movimento tra miliardi di corpi celesti – incominciato nella notte dei tempi in un luogo dell’universo a noi ignoto e destinato a concludersi alla nostra destinazione finale. Noi esseri umani non siamo che una tra le molteplici forme della vita.

Per noi, romantici cresciuti nel culto della virtù dell’eroismo, la bellezza della vita umana, la sua piena realizzazione, può compiersi in un singolo atto di eroismo. Tuttavia, siamo in grado di distinguere tra veri e falsi eroi, non ci lasciamo portare fuori strada dalle esagerazioni dei cattivi giornalisti, per i quali chiunque compia il suo lavoro scrupolosamente diventa un eroe. Nossignori, non è così. Il nostro modello di eroe è Ethan Edwards (John Waine) in Sentieri selvaggi, che per due anni insegue i Comanche per riportare a casa la nipote Debbie, rischiando la propria vita.

Noi, forse ingenui, siamo cresciuti sognando la nostra entrata in scena trionfale, l’istante che avrebbe rivelato – a noi stessi e al mondo – che eravamo coraggiosi, capaci di quell’unico gesto di eroismo che solo avrebbe dato un significato alla nostra vita mortale. Naturalmente, ogni eroe vive quell’attesa come una noia e questa è la sua croce. Come Giovanni Drogo, il protagonista de Il deserto dei tartari, il rischio è attendere passivamente, sprecare la vita nell’attesa di qualcosa che potrebbe non giungere mai. Alla fine di una vita sprecata, senza un atto di eroismo non vi è riscatto possibile: noi non la pensiamo come Dino Buzzati, non ci basterebbe come consolazione il pensiero di morire con dignità. Noi vorremmo morire martiri per aiutare il prossimo.

No, non siamo passivamente inetti: nell’attesa della nostra occasione, facciamo del nostro meglio per ingannare il tempo e, soprattutto, per migliorarci. “Poiché il suo corpo è condannato a morte, il suo compito sulla terra evidentemente deve essere più spirituale: non un totale accaparramento di beni nella vita quotidiana, non la ricerca di modi migliori per ottenere beni materiali e quindi non la spensieratezza con il loro consumo. La vita deve invece essere il compimento di una riflessione costante e seria in modo che il nostro viaggio nel tempo possa essere soprattutto un'esperienza di crescita morale, per diventare esseri umani migliori” (Aleksandr Solgenitsin).

Così, dopo molti lustri in questo mondo, la nostra unicità si accresce di caratteristiche che entrano a far parte della nostra personalità. Pur detestando Sartre, devo ammettere che è in parte vero che sia l’esistenza a determinare l’essenza, almeno dopo un lungo percorso.

Soprattutto, non vogliamo smettere di pensare, di provare emozioni, di interessarci alle cose. I risultati dei nostri sforzi individuali sono – ancora una volta – unici e irripetibili. Oggi, l’umanità è inebetita, costantemente alla ricerca di soddisfare bisogni indotti, senza più valori, senza una vera volontà di cambiamento, sempre con la mente altrove, davanti ai propri schermi, ignorante, indifferente, impassibile rispetto alla quasi totalità dei problemi importanti ma anche rispetto alle effettive esperienze altrui, tanto che uno scrittore del ventesimo secolo descrisse così la vita: “La vita è movimento. Un moto, però, circolare (intorno a quel piccolo nucleo che si chiama “io”), un moto talmente circoscritto che assomiglia a un piétiner sur place. Circoscritto dal gran cerchio d’ombra di tutto quello che sfugge alla nostra cognizione, o di cui non c’interessa cognizione. E non alludo allo scibile, né tantomeno al “mistero dell’universo”, alludo a ciò che rappresenta la realtà spicciola, la più vicina a noi” (Guido Morselli, Dissipatio H.G.).

Libere elezioni democratiche portano al potere una classe dirigente simile ai propri elettori: terrorizzata dai cambiamenti imposti dalla modernità, ignorante, inesperta. La parole pronunziate nel 1980 da Isaac Asimov, davvero profetiche, descrivono la situazione: “Una vena di anti-intellettualismo si è insinuata nei gangli vitali della nostra politica e cultura, alimentata dalla falsa nozione che democrazia significhi "la mia ignoranza vale quanto la tua conoscenza". 

In questo teatro, ciascuno di noi recita la sua parte, senza darsi cura di ascoltare la parte di tutti gli altri oppure (peggio!) costretto ad ascoltare le parti dei soliti famosi imbecilli. Nel mio L’uomo di seta, ho esortato mia figlia con queste parole: “Fai tutto questo nella piena consapevolezza che forse non otterrai alcun beneficio: alla fine, tuttavia, non sarà stato inutile perché è nella misura dello sforzo che all’ultimo istante giudicherai la tua vita. Il risultato, spesso, non dipende da noi.”

No, questo mondo non cambierà in meglio, non assisteremo a un nuovo Rinascimento. Rassegnati, nell’attesa forse vana della nostra entrata in scena trionfale, continueremo a dedicarci ai nostri passatempi. Io a scrivere romanzi nella speranza che vengano letti da sconosciuti amici.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x