Sabato, 20 Agosto 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Riccione, ragazze investite dal treno: oggi i funerali di Giulia e Alessia. La mamma: "Inspiegabile"

Palloncini bianchi e un lungo applauso per salutarle fuori dalla chiesa di Castenaso

05 Agosto 2022

Giulia e Alessia funerali oggi. L'omelia: "Giulia e Alessia ci chiedono di credere in loro"

Fonte: twitter

Giulia e Alessia, le due ragazze investite dal treno a Riccione, hanno ricevuto l'ultimo saluto da amici e famigliari durante i funerali a Castanaso. Incontenibile il dolore della madre tornata dalla Romania: "Questa tragedia non ha un senso, non riesco a dire cosa provo. Le mie figlie erano giovani ma responsabili". 

Riccione, oggi i funerali di Giulia e Alessia

L'omelia del parroco di Castenaso, don Giancarlo Leonardi, ha detto nell'omelia: "Il dolore è enorme, il male sembra avere vinto. Noi oggi quasi sottovoce, perché ci sentiamo piccolissimi sussurriamo, ad ogni cuore e ad ogni vita, soprattutto a papà Vittorio e mamma Tania, sussurriamo che il bene è più forte del male. Il dolore lo vivremo insieme non ci lasceremo sbriciolare". 

"Da domenica - ha detto il sacerdote nell'omelia- vediamo la cronaca di una tragedia , ne cogliamo letture, riletture, giudizi: un vociare che ha creato eco di reazioni. Sembra che tutti abbiano una parola da dire è che ci siano tanti maestri. Noi nella famiglia di Alessia e Giulia da domenica vediamo un dolore infinito, il rischio è la caduta nel baratro nel cinismo. Papà Vittorio lo chiama il 'tunnel'. Cosa è la verità? Cosa vediamo noi oggi con gli occhi del cuore? Vediamo due figlie Alessia e Giulia volute cresciute amate e curate. Noi vediamo un papà che ha costruito con talento il suo lavoro ed è vissuto per le sue figlie. Vediamo una madre impietrita dal dolore e vediamo una sorella Stefania che ha fatto da madre e ad amica, sono le sue parole, ad Alessia e Giulia. Vediamo una famiglia generosa dove tutti sono uniti".

 "Ad Alessia e Giulia nella loro giovinezza sono state consegnate fiducia, stima, libertà e autonomia - ha continuato il parroco nell'omelia -. È stata chiesta una responsabilità. Stavano vivendo la libertà dell'amore, dei desideri, dei sogni grandi della vita. Quei due cuori, quelle le due anime sono abitate da Dio: io in loro vedo Dio. Alessia e Giulia oggi gridano, noi abbiamo sussurrato, loro gridano al nostro mondo di adulti e a questo nostro mondo di adulti gridano che dobbiamo credere in loro, che non si deve consegnare semplicemente giudizio, sospetto, ma si deve consegnare stima", ha detto ancora.

Giulia e Alessia: funerali

Bandiere in drappo nero chiuse su sè stesse e le vie del paese silenziose. Una grossa corona bianca, dalle prime luci dell’alba ha svettato davanti alla chiesa della Madonna del Buon Consiglio in via XXI Ottobre. Dalle 8, poi, sempre nella chiesa è iniziata la camera ardente e una processione silenziosa e triste ha iniziato ad avvicendarsi per portare un ricordo, un saluto alle due giovani sorelle decedute

Dentro due bare bianche , con i nomi incisi sopra e una pioggia di fiori bianchi e girasoli. Presenti alcuni amici, altri arrivati sia dal Comune di Castenaso che di Riccione, ma anche colleghi della famiglia, dal Judo Club locale, e dai titolari dei locali, bar e ristoranti, dove le due ragazze erano solite andare con la famiglia. Alle 9.30 l'arrivo dei  rappresentanti delle istituzioni : dal comandante della stazione locale dei carabinieri, il luogotenente Andrea Levi ai rappresentanti della Polfer di Riccione fino al questore di Rimini, Rosanna Lavezzaro e al senatore Pier Ferdinando Casini. Per la Regione Emilia Romagna è arrivata anche Irene Priolo.

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x