Mercoledì, 25 Maggio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Chi è Valerio Onida: moglie, figli e carriera dell'ex presidente della Corte Costituzionale

Era stato presidente della Consulta dal 22 settembre 2004 al 30 gennaio 2005

14 Maggio 2022

Chi è Valerio Onida: moglie, figli e carriera dell'ex presidente della Corte Costituzionale

Valerio Onida (foto LaPresse)

Valerio Onida è ricordato da tutti come l'ex Presidente della Corte Costituzionale: scopriamo moglie, figli e carriera. Lui è stato un apprezzatissimo costituzionalista, accademico e giudice costituzionale italiano. È scomparso all'età di 86 anni.

Chi è Valerio Onida, vita privata, famiglia e carriera

La sua è stata una vita ricca di successi e riconoscimenti. Ha ricoperto ruoli importantissimi ricevendo apprezzamenti da parte di tutti. È stato giudice costituzionale dal 1996 al 2005, Presidente della Corte costituzionale dal 22 settembre 2004 al 30 gennaio 2005 e professore emerito di diritto costituzionale presso l'Università degli Studi di Milano.

Valerio Onida è nato a Milano il 30 marzo 1936. I suoi genitori erano Pietro Onida, di origini sarde, e Franca Di Giovanni, siciliana. Aveva due fratelli: il medico Luciano Onida (1933-2017) e l'economista Fabrizio Onida (1940). Ha avuto cinque figli. Uno di questi è il fisico Giovanni Onida, attuale direttore del Dipartimento di Fisica dell'Università degli Studi di Milano. Fra i figli c'è anche Marco Onida, ex-segretario generale della Convenzione delle Alpi. Aveva anche sei nipoti.

La sua carriera è iniziata in qualità di professore ordinario di diritto costituzionale all'Università degli Studi di Milano. Ruolo che ha ricoperto dal 1983 al 2009. Successivamente venne eletto giudice costituzionale dal Parlamento in seduta comune il 24 gennaio 1996. Divenne poi presidente della Corte costituzionale il 22 settembre 2004. Cessò dalla carica di presidente il 30 gennaio 2005.

Durante la sua carriera si è candidato anche alle primarie del centrosinistra per le elezioni del sindaco di Milano nel 2010. In quell'occasione arrivò terzo con il 13,41% dei voti. Fu l'anno in cui vinse Giuliano Pisapia. Il secondo era Stefano Boeri, il quarto Michele Sacerdoti.

Il 25 giugno 2011 il Consiglio generale dell'Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia lo ha eletto alla presidenza dell'istituto. Succedeva al presidente emerito della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro.

È stato anche presidente dell'Associazione Italiana dei Costituzionalisti e presidente del comitato direttivo della Scuola Superiore della Magistratura.

Il 30 marzo 2013 viene invitato dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano a far parte del gruppo dei Dieci saggi incaricato di discutere "su proposte programmatiche in materia istituzionale e in materia economico-sociale ed europea". Era previsto anche un contatto con i presidenti di tutti i gruppi parlamentari. È intervenuto pubblicamente nel dibattito sulla proposta di riforma costituzionale del 2016, sostenendo le ragioni del no al referendum del 4 dicembre. Presiedeva la Fondazione per le scienze religiose Giovanni XXIII.

Nel 2020, in merito al referendum di settembre sulla riduzione del numero dei parlamentari, ha argomentato la sua posizione favorevole.

Valerio Onida: moglie e cinque figli

Valerio Onida è scomparso il 14 maggio 2022 lasciando una moglie, cinque figli e sei nipoti. A dare l'annuncio è stato uno dei figli, Francesco, il quale ha scritto su Facebook: "Ciao papà, grazie di tutto".

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x