Martedì, 25 Gennaio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

L'ebola de noantri: quando i veri virus sono ignoranza, ipocondria e conformismo

Montagnier a Milano e la percezione allucinata di Scienza. Perché gli italiani, il popolo più scettico del mondo, si sono bevuti in maggioranza la bufala di un Ebola minore?

Di Lapo Mazza Fontana

15 Gennaio 2022

L'ebola de noantri: e se i veri virus fossero ignoranza, ipocondria e conformismo

Fonte: lapresse.it

Facciamo un incipit facile: perché gli italiani, gente che ne ha viste di tutte da secoli e quindi storicamente piuttosto sgamati, si sono fatti in gran parte abbindolare da una propagandina di regime, squallida quanto smascherata per ULTRABUGIARDA fin dal principio?

Perché si sono eteroconvinti che una epidemia di un parainfluenzale grave ma con mortalità che oggi scopriamo con prove concrete e ormai dilaganti avere numeri falsati ab origine (seppure gravi, senza dubbio) fosse un mini-Ebola degno di perdita di ogni freno inibitore per la isteria di massa e soprattutto per il trionfo senza vergogna della speculazione e del fascismo di ritorno?

Per ignoranza.
Per ipocondria.
Per conformismo.
Sicuramente.

Per intimo pseudofascismo. Sì, derivato da ignoranza, ipocondria, conformismo. Per la presenza ai posti di governo di una casta pseudopolitica ormai talmente incrostata come lo sporco nelle tubature fognarie che ha perso ogni limite al proprio delirio di potere ed arbitrio?

Certamente: per ignoranza, ipocondria, conformismo.

Per la assenza di una classe alta, medio-alta e media, ma soprattutto di una aristocrazia di censo e di intelletto degna di questo nome, spazzata via da venticinque anni di pidiotismo-berlusconismo al Napalm?

Eh sì.

Per la assenza di una almen piccola reazione degli studenti, medi ed universitari, ancora più atterrati dal veleno del NULLA culturale modello Kardashian-Khaby Lame-Ferragnez-Saviano?

Senza dubbio veruno.

Ovviamente la propaganda pesa, siore e siori.

Non ci stancheremo mai di ricordare che siamo nel 2022, anniversario del 1942, in cui la maggioranza degli italiani erano convinti, MA SUL SERIO, di essere dalla parte di quelli che avrebbero vinto la seconda guerra mondiale. NO SHIT, come dicono gli americani: gli italiani in maggioranza erano convinti sul serio che Hitler stesse conquistando il mondo, pronto ad usare armi segrete imbattibili, avendo già battuto Francia e Inghilterra e avendo invaso vittoriosamente la Russia, mentre i giapponesi stavano bastonando gli americani nel Pacifico e la Italietta aveva invaso i Balcani e stava per invadere l'Egitto (guidata da Rommel con carri armati tedeschi, ma vabbè).

Quei pochi, anzi pochissimi italiani, nel 1942, che ascoltavano RADIO LONDRA e che dicevano molto sottovoce che la FARSA non sarebbe durata ancora a lungo erano presi per pazzi dagli altri, furbissimi, aderenti al regime di Mussolini, che lui sì che aveva dimostrato di saperci fare, mica come quattro gatti parolai sfigati. Sappiamo come è andata a finire. Con Mussolini appeso per i piedi in piazzale Loreto e Hitler evaporato nella benzina.

Oggi a Milano arriva in una piazza semicentrale ma gremita di gente, gente esasperata ma ancora piuttosto calma (ancora per quanto non si sa) quel premiuccio Nobel, quel Luc Montagnier che non avendo stipendi e strapuntini a nove zeri da perdere è stato disposto fin da principio ad esporre una realtà insopportabile agli psiconazisti nazivaccinari: il Covidddi della bagnante palermitana NON È UN MINI-EBOLA, e soprattutto i farmaci vaccinoidi presentano RISCHI molto gravi, che era necessario non solo esporre chiaramente ad una popolazione attonita e istupidita, ma soprattutto era necessario non negare contro ogni dignità, finendo addirittura per imporre tali farmaci con una obbligatorietà che a questo punto è paragonabile ad un crimine sic et simpliciter.

Certamente, la obiezione dei benpensanti ancora oggi, a gennaio 2022, resta comprensibile: le voci dissonanti sono poche, la comunità scientifica è per massima parte concorde con la propaganda del regime draghistano.

Sì, è vero, per lo meno in Italia. Ma il resto d'Europa? Già il Nord Europa, Svezia e Regno Unito in testa, pur con posizioni diverse si erano posti in controtendenza rispetto alla propaganda del Quarto Reich Roma-Berlino (Svezia in assoluta opposizione, UK ad altalena prima in strategia svedese, poi in pieno delirio nazionalista da Astrazeneca inglese, poi virato in orgoglio liberale da ricusa delle repressioni, ormai dimostrate controproducenti dai fallimenti sanitari e socioeconomici italo-tedeschi, e tanto per cambiare, poiché il 1942 torna sempre, in attesa dell'otto settembre 1943/2023).

Ma adesso il Nord Europa non è più la sola area occidentale in opposizione alla provetta psicosociale italo-nazitedesca: la Francia nonostante un Macron iper-draghistano ma sotto elezioni non è caduta sotto il tallone dell'Asse; stavolta i Panzerkampfwagen non sono arrivati alla Tour Eiffel. La offensiva pare fallita, per ora. La Spagna non è caduta sotto gli Stukas della Legione Condor e Francisco Franco non ha preso il potere. Il Benelux pare seguire UK e Francia e non il Terzo Reich. E gli USA, da cui deriva ogni decisione originaria sui destini geostrategici mondiali? È lì lo scontro per il potere. Ma lo psicovaccinista Biden non è finora riuscito ad imporre il pugno di ferro, ed è vecchio, lui sì, e non tanto compos sui. Kamala Harris, la sua erinni destinata al trono, pare un fantasma politico. Se stavolta il Quarto Reich era appoggiato da Washington, Washington non appoggia né bene né abbastanza. E rischia di implodere, come in Afghanistan lo scorso ferragosto.

Ma se la politica internazionale pesa eccome, allora la domanda resta: ha ragione Montagnier o i suoi detrattori, in Italia maggioritari, come quel Bassetti che gli ha dato in sostanza del vecchio rimbambito? L'EBOLA DE NOANTRI è un Ebolino o è il Covidddi balneare di Mondello?

Una risposta già ce la abbiamo. Ignoranza, ipocondria, conformismo. Che sopravviverà, usque ad sanguinem, al crollo molto probabile del regime draghistano.

Quando la PANDEMENZA del Coviddi (comunque vera e propria) sembrerà finita dovremo affrontarne una molto più devastante e duratura.

I primissimi topi sembrano già fuggire verso le prime scialuppe sotto il peso delle menzogne propalate per due anni, ma tenteranno di mimetizzarsi e di smentire tutto. Non dimentichiamoci mai di chi fossero e cosa dicessero. L'EBOLA DE NOANTRI forse non esisteva: l'Ebola di ignoranza ipocondria e conformismo resterà intatto, e andrà contrastato anche in seguito con tutti i mezzi e da una minoranza di non minus habens che già in passato storicamente permise alle società occidentali di progredire. Seppure poco e male, come in quest'epoca purtroppo abbiamo avuto a subire.

E forse stavolta L'Italietta torna persino al centro del mondo, come già fu per secoli. Eh sì, un po' avremmo preferito che ciò fosse per le luci di via Montenapoleone invece che per le tenebre della pandemenza, ma pare non si potesse scegliere. Si sa, ai saldi del cervello le taglie disponibili restano poche.

di Lapo Mazza Fontana

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x