Domenica, 22 Maggio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Rai, sciopero giornalisti: "I tagli porteranno a un buco nell'informazione"

Assostampa Sicilia affianco dei giornalisti Rai che mercoledì 29 dicembre hanno scioperato per i tagli

29 Dicembre 2021

Rai, l'allarme della presidente Soldi: "I conti non ci permettono di investire"

Fonte: lapresse.it

Assostampa Sicilia è al fianco dei giornalisti Rai in sciopero oggi, mercoledì 29 dicembre. "La giunta esecutiva del sindacato dei giornalisti e i giornalisti siciliani - dice il segretario Roberto Ginex - sono, insieme con la Fnsi, al fianco dei giornalisti della Rai e condividono le ragioni dello sciopero proclamato dall'Usigrai". E ancora: "Lo sciopero è un'azione di lotta giusta contro i tagli all'informazione regionale e sportiva decisi senza confronto con l'Usigrai e, soprattutto, in assenza di un piano industriale e di un piano editoriale. Tagli che produrranno un forte impoverimento all'informazione del servizio pubblico. Una situazione che in alcune zone del Paese, come la Sicilia rischia di diventare più drammatica per le condizioni sociali ed economiche della nostra regione".

Rai, giornalisti in sciopero oggi

In particolare, sottolinea il sindacato dei giornalisti siciliani, "l’anno che si aprirà a giorni è quello del trentennale delle stragi del 1992". Queste, dicono, "saranno un appuntamento cruciale per l’informazione nazionale e siciliana. Per rilanciare l'informazione Rai è necessario un piano industriale che ridisegni e rafforzi l'offerta informativa anche sulle nuove piattaforme, valorizzando le professionalità di cui l'azienda dispone. E pertanto auspicabile che i vertici aziendali colgano la disponibilità del sindacato al confronto, ribadita nelle ragioni dello sciopero, superando qualsiasi logica di sopraffazione". Infine, Assostampa Sicilia registra "con soddisfazione" le dichiarazioni del presidente della Regione Nello Musumeci, che in mattinata, durante la tradizionale conferenza stampa di fine anno con i giornalisti, ha espresso preoccupazione "per i tagli che la Rai ha preannunciato nei servizi serali e che sarà oggetto di colloquio col direttore generale".

Programmi Rai che non vanno in onda

"Uno Mattina" non è andato in onda su Rai Uno a causa dello sciopero ed è stato sostituito da una serie di spezzoni che rappresentano "il meglio" della trasmissione. Cominciato in anticipo "Storie Italiane" di Eleonora Daniele, mentre è a andato invece regolarmente "È sempre mezzogiorno" con Antonella Clerici. Successivamente il Tg1 è andato in onda in versione ridotta con solo le notizie più importanti della giornata.

Veniamo al pomeriggio: non va in onda "Oggi è un altro giorno", il programma di Serena Bortone solitamente trasmesso dalle 14. Stop anche per "La vita in diretta" di Alberto Matano.

Sciopero, botta e risposta Usigrai e Rai

Le giornaliste e i giornalisti della Rai oggi scioperano soprattutto contro la decisione dei vertici aziendali di tagliare l'informazione regionale e sportiva. Inoltre viene condannato il mancato dialogo con i sindacati. "Noi crediamo che sia necessario aumentare l’informazione, non ridurla", dice la nota Usigrai. "Il metodo da seguire deve essere un altro: aggredire gli sprechi invece di ridurre il servizio ai cittadini. Risparmiare su appalti e contratti strapagati e valorizzare il personale interno". "Diciamo sì ad una Rai più moderna e vicina ai cittadini, no a tagli lineari senza un chiaro piano industriale che dia un orizzonte di sviluppo coerente con il contratto di servizio", conclude la nota.

Non si è fatta attendere la replica aziendale. "In anni di rivoluzione tecnologica e di difficoltà economiche per tanti cittadini, la Rai è chiamata a rinnovare se stessa", si legge nella risposta. "Farlo significa anche razionalizzare sempre meglio l’impiego dei fondi dell’Azienda e la Rai è stata e sarà sempre disponibile al confronto con le organizzazioni sindacali. Tutte le misure in atto o in programma sono volte ad aumentare la qualità dei servizi, a cominciare dall’informazione. Non a ridurla". Infine: "In Italia la Rai è la sola impresa editoriale che sta assumendo 90 giornalisti. Tutte le recenti nomine di direttori hanno riguardato risorse interne. Da lunedì è accessibile il sito RaiNews che raccoglie e arricchisce servizi giornalistici delle testate dell’Azienda". 

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x