Sabato, 29 Gennaio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Bologna, aggredisce carabinieri al grido di "Allah Akbar"

In provincia di Bologna, un 29enne marocchino ha aggredito e ferito lievemente due carabinieri

20 Settembre 2021

arresti camorra

Un ragazzo marocchino è stato arrestato in provincia di Bologna, ma prima il 29enne ha aggredito i carabinieri urlando "Allah Akbar". Una frase medio orientale molto conosciuta anche qui in occidente, una frase spesso e volentieri vista anche in televisione nei film e nei cartoni, ma questa volta usata con intenti seri e ben poco scherzosi. l'accaduto si è svolto domenica 19 settembre in tarda serata, nei pressi di una farmacia di Crevalcore.

"Allah Akbar", 29enne marocchino aggredisce i carabinieri

Il ragazzo, senza fissa dimora ed individuo già noto alle forze dell'ordine, è stato notato dai carabinieri mentre vagava nei pressi della farmacia con fare losco e sospetto. Una volta insospettiti, i carabinieri si sono fatti avanti per vederci più da vicino e procedere con l'identificazione del ragazzo. Però, una volta chiesti i documenti, l'uomo ha perso letteralmente il controllo e la ragione. "Vi ammazzo tutti, Allah Akbar!", queste le parole del marocchino contro gli uomini dell'Arma. Premesse poi mantenute dal ragazzo, che ha aggredito i carabinieri, provando a colpirli più volte. Ovvia la reazione dei carabinieri, che non hanno avuto altra scelta che immobilizzare l'uomo a terra. Il marocchino era molto agitato e violento, fattori che hanno spinto gli agenti ad utilizzare uno spray al peperoncino. Dopo questa mossa, i carabinieri sono riusciti a bloccarlo e ammanettarlo.

In seguito, il ragazzo è stato visitato dagli uomini del 118, chiamati dalle stesse forze dell'ordine, per poi essere trasportato in caserma. Al momento il 29enne si trova nella camera di sicurezza della stazione dei carabinieri di Crevalcore in attesa dell'udienza di convalida dell'arresto, prevista per oggi. Dopo l'arresto, gli uomini dell'Arma hanno svolto qualche indagine e scoperto che, prima di essere fermato, il ragazzo aveva danneggiato una macchina parcheggiata nei pressi dell'accaduto. Più precisamente aveva rotto il lunotto posteriore dell'autovettura. Non sappiamo se questo gesto aveva come scopo il furto di oggetti o dell'intera macchina o se fosse solo un atto vandalico senza un fine.

Durante l'aggressione dell'uomo, due carabinieri sono rimasti lievemente feriti nel tentativo di immobilizzarlo. Il marocchino dovrà rispondere di reati di violenza e minaccia a pubblico ufficiale e danneggiamento aggravato.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x