Sabato, 29 Gennaio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Bimbo caduto dal balcone a Napoli, fermato il domestico: l'accusa è di omicidio

L'uomo, M.C., è stato fermato questa mattina dalle Forze dell'Ordine

18 Settembre 2021

Bimbo caduto dal balcone a Napoli, fermato un 38enne: è accusato di omicidio

Fonte: lapresse.it

É stato fermato questa mattina, sabato 18 settembre 2021, un uomo di 38 anni, accusato di essere il presunto responsabile della morte del piccolo Samuele, il bimbo di quattro anni che ieri è precipitato giù dal balcone di casa, in Via Foria a Napoli. Si tratta del domestico della famiglia.

Bimbo cade dal balcone e muore: la versione del domestico

L'uomo, che lavorava saltuariamente per la famiglia, ha ammesso di essere stato sul quel balcone e di aver preso in braccio il piccolo Samuele, ma ha negato di averlo volutamente scaraventato di sotto. Agli inquirenti ha detto di soffrire di disturbi psichici e ha fornito una sua versione dei fatti che escluderebbe il motivo doloso puntando invece sull'incidente. Ma non ha saputo spiegare con esattezza come il bambino sia caduto dal balcone. Sulla sottile linea che separa l'ipotesi colposa da quella dolosa si giocherà l'udienza per la convalida del fermo, in programma lunedì mattina alle 9:30. 

Napoli, bimbo cade dal balcone e muore: fermato il domestico

L'uomo, M.C., collaboratore domestico della famiglia, è stato individuato questa mattina e potrebbe essere l'unico responsabile della morte di Samuele, bimbo napoletano di appena 4 anni. L'accusa che ora vige nei confronti del 38enne è infatti quella di omicidio. Il piccolo ieri, venerdì 17 settembre 2021, è caduto dal terzo piano dell'edificio di Via Foria e ha perso la vita sul colpo. Oggi però la Polizia di Stato ha fermato, su delega della Procura di Napoli, M.C., ritenuto gravemente indiziato. Il provvedimento è sottoposto al giudizio di convalida del Giudice.

Il terribile e triste fatto accaduto ieri in Via Foria ha sconvolto non solo la città di Napoli, ma l'Italia intera. Tutti si chiedono come abbia fatto un bambino così piccolo a cadere dal balcone di casa. A niente sono valsi i soccorsi dei sanitari del 118 i quali, una volta arrivati sul posto hanno solo potuto constatare il decesso di Samuele. Rimane ancora ignota la dinamica dell'incidente. Per il momento inoltre non ci sono ancora notizie riguardanti la presenza o meno dei genitori quando è avvenuta la tragedia. 

"È un dolore troppo forte", dice una donna anziana, vicina di casa della famiglia di Samuele. "Non riesco a immaginare il dolore dei genitori e della mamma che è anche incinta. Povera donna. Non ci resta che pregare per questa povera giovane anima candida che è volata in cielo diventato un angioletto", afferma invece un'altra donna. "Io sono cattolica ma a volte mi chiedo perché ai criminali non succede nulla e poi un bimbo innocente debba morire così. Davvero non lo capisco", conclude.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x